iossa_e_de_stradis.jpg

 CLIKKA SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO ANDATO IN ONDA SU LUCANIA.TV

 

di Walter De Stradis

 

foto di Luigi Cecere

 

 

 

Giornalista, scrittore, docente universitario, contributor di prestigiose testate nazionali, il quarantanovenne Michelangelo Iossa, napoletano, di origini lucane (Francavilla in Sinni), è uno dei massi esperti internazionali del fenomeno “James Bond”, personaggio che da qualche tempo, qui in Basilicata, avvertiamo particolarmente “nostro”, dopo i recenti fasti di “No Time to Die” (2021), girati anche a Matera.

Iossa lo abbiamo incontrato a Napoli, nella splendida terrazza del Parker’s Grand Hotel (uno dei più antichi alberghi d’Italia), a pochi metri dal Bidder Bar, che da quasi vent’anni ospita un Bond Point ufficiale, nel quale vengono serviti i 283 cocktail selezionati dai film e dai libri che hanno 007 come protagonista. Dopo “Operazione Suono” (Rogiosi 2020), incentrato sulle colonne sonore della saga cinematografica, Iossa è al secondo libro dedicato al vastissimo universo di 007: “Fleming/Luciano – Ian e Lucky a Napoli” (Jack Editore).

D- Come e quando nasce questa sua passione per James Bond?

R -Trasmessami da mio padre, è iniziata quando avevo otto anni. Era l’agosto del 1982 e Napoli in quel periodo, come accadeva allora anche nelle altre città, era svuotata. Un giorno, dopo aver gironzolato un po’, ci trovammo davanti al Cinema “Vittoria”, all’ Arenella, ove davano una retrospettiva su 007. Mio padre a suo tempo era andato a vedere quei film con mio nonno, e pertanto pensò fosse una buona idea. All’epoca non sapevo affatto cosa fosse un “agente segreto”, ma quella volta, subito dopo la visione di “Goldfinger” (un capitolo di quasi vent’anni prima, con Sean Connery), mi innamorai del personaggio. Mi avevano colpito la donna dipinta d’oro, le abilità di 007 e soprattutto la sua auto, dotata di mitragliatrice e geo-localizzatore. A un certo punto, la passione divenne professione, in quanto 007 (così come anche i Beatles) si trasformarono in oggetto di studio.

D- Questo “Fleming/Luciano” ha anche molto a che fare con questa città, Napoli, in quanto narra di un incontro che avvenne qui tra Ian Fleming, lo scrittore che ha creato 007, e Lucky Luciano, il boss che per primo aveva “riunito” le cosche mafiose.

R -Sì, da un lato infatti c’è Ian Fleming, giornalista, scrittore, reporter per la Reuters in Russia, egli stesso agente segreto per le forze navali inglesi, e naturalmente romanziere, creatore di James Bond; dall’altro abbiamo forse il più temibile mafioso di tutti i tempi. Fu Luciano a capire che il mondo dei gangster, così com’era, approssimativo e anche un po’ “baraccone”, doveva cambiare pelle, e di conseguenza “inventò” un modo di fare mafia completamente diverso, “modernizzandola” e creando addirittura un organismo di vertice che chiamò “la commissione”. Parlandone col suo braccio destro, Meyer Lansky, sentenziò: «No, questa organizzazione non deve avere alcun nome, è Cosa Nostra». E da quel momento tutti i giornalisti la chiamarono così. Di fatto, è stato probabilmente il mafioso più potente di tutti i tempi: Messina Denaro, Buscetta (tra l’altro un suo allievo) e Riina messi insieme, forse non arrivano a fare un Lucky Luciano. Pensi che una volta estromesso dagli USA e arrivato a Napoli, organizzò oltre venti summit, tra qui e Palermo, con tutte le organizzazioni più potenti. Di fatto, quella di Lucky Luciano è una “Spectre” (l’associazione criminale internazionale contro cui combatte James Bond – ndr). Non è un caso che –anche in virtù di una promessa fatta a Raymond Chandler- Ian Fleming volle intervistarlo. Pertanto, i due si incontrarono a Napoli nel 1960, ma la cosa incredibile è che l’anno successivo il romanziere inventò (nel libro “Thunderball”) il personaggio di Emilio Largo, facendolo nascere proprio a Napoli, e modellandolo sui miti, i riti e i modi di fare di Lucky Luciano. Di fatto, dunque, la “Spectre” è un po’ figlia di Cosa Nostra.

D- Tra l’altro, se non sbaglio, in quell'intervista con Fleming, Luciano disse la famosa frase: «La Mafia non esiste, è un’invenzione di voi giornalisti».

R -Esatto. L’intervista si chiuse proprio con quella frase, degna di un vero “cattivo” di Bond.

D- Precedentemente, però, come lei racconta nel libro, c’era stata anche l’operazione “Husky”.

R -Si tratta della grande svolta nella vita di Lucky Luciano. Esattamente ottant’anni fa, nell’estate del 1943, avvenne il più colossale sbarco degli “Alleati”, in Sicilia. Una risalita verso Messina, che com’è noto cambiò il volto della Seconda Guerra Mondiale. Quell’operazione, in realtà, avvenne anche grazie alla collaborazione di Lucky Luciano, che dal suo carcere newyorkese, facendo da “burattinaio a distanza”, aiutò la Marina americana, motivo per cui nel 1947 fu graziato dal Procuratore Capo dello Stato di New York, per “servigi resi”. E poté essere rimpatriato.

D- Motivo per cui nel 1960 era bellamente a Napoli a farsi intervistare.

R - (Sorride) Esatto, se si esclude un “lieve” obbligo di firma. Aggiungo che l’operazione “Husky” a sua volta era figlia di un’altra operazione, inventata col contributo di Ian Fleming. Si chiamava “Minced meat” (“Carne tritata”). Gli Inglesi si erano resi conto che Hitler era a conoscenza del fatto che le loro truppe sarebbero sbarcate in Sicilia, e quindi pensarono di depistarlo, facendogli credere che la meta dello sbarco fosse la Grecia. Ian Fleming, che già lavorava per il “Naval Intelligence”, fu reclutato anche per questa operazione. Si trattò di prendere il corpo di un militare morto, rivestirlo come fosse operativo, e “imbottirlo” di documenti falsi. Per l’occasione, Fleming scrisse un vero e proprio romanzo, in pratica la sceneggiatura di una delle operazioni militari più importanti (Fleming partecipò anche alla “Goldeneye” -che poi divenne il nome di un’avventura di James Bond e della stessa villa giamaicana in cui lo scrittore creò 007- e alla “Copperhead”). Quindi Fleming creò una vera e propria storia, con documenti credibili: nei vestiti del militare morto infilò persino una falsa lettera della fidanzata e un sollecito di pagamento (che abbiamo un po’ tutti), nonché, ovviamente, l’informazione che lo sbarco sarebbe avvenuto in Grecia. Questo corpo fatto trovare alle porte del Portogallo, arrivò alla polizia spagnola, che lo identificò come un militare inglese naufragato, cosa poi confermata dai colleghi tedeschi (i documenti erano “finti”, ma pur sempre prodotti dalle autorità britanniche). E fu così che Hitler si convinse che lo sbarco sarebbe avvenuto in Grecia.

D- Tutte queste cose che ci sta raccontando, rispondono inequivocabilmente alla domanda che spesso si pongono giornalisti, studiosi e critici, ovvero: “Chi era il VERO James Bond che ha ispirato Ian Fleming?”. E spesso, come sa, si legge anche di questa o quella spia, realmente esistita, che avrebbe ispirato il personaggio letterario e poi cinematografico. Ma, tutto considerato, il VERO 007 sembra essere proprio Ian Fleming!

R -Ovviamente, Ian Fleming è la persona più vicina al Bond letterario. Anzi, di tutti gli autori di storie di spionaggio che conosciamo, è quello più simile alla propria creazione. E’ vero, anche Tom Clancy (che non si chiamava così) era stato una vera spia (un po’ operativa e un po’ “da scrivania”), così come John Le Carrè (una spia “da scrivania”), ma Ian Fleming è quello che somiglia di più al suo personaggio, anche se era un po’ meno “action man”. Poi ci sono state delle figure che hanno ispirato dei singoli romanzi: è certificato che Dusko Popov, una spia di origine dalmata/ungherese soprannominata “Triciclo”, in quanto “triplogiochista” (fra Russi, Tedeschi e Inglesi), ispirò a Fleming la storia di “Casino Royale” (il primo romanzo di James Bond – ndr). Con fondi del Tesoro, infatti, Popov giocò al casinò cercando di battere un nemico, che nel romanzo diventa il personaggio di “Le Chiffre”. Quindi Popov è sicuramente tra le fonti d’ispirazione, ma come uomo d’azione, mentre tutto quello che Fleming conosceva dei Servizi Segreti finì nel romanzo: un “Q” (ovvero il “Quartermaster”) esiste realmente, così come esiste realmente un “M”, e cioè un Capo, ed esiste la segretaria di questi. Non esiste un “doppio zero” per la licenza d’uccidere, ma una licenza d’uccidere per le missioni c’è realmente, tant’è vero che è ormai accertato che anche lo stesso Ian Fleming in servizio abbia ucciso qualcuno.

D- Di recente lei ha partecipato a un evento che si è tenuto a Carolei, in provincia di Cosenza, paese d’origine della famiglia di “Cubby” Broccoli (storico produttore dei film di 007), a cui è stato dedicato un busto. Erano presenti la figlia Barbara e il figliastro Michael G. Wilson, attuali produttori della saga. Alla famiglia Broccoli è stata inoltre conferita la cittadinanza onoraria. Cosa ci può dire sul prossimo attore che interpreterà il personaggio? L’era di Daniel Craig si è definitivamente conclusa, e c’è chi dice che il prossimo Bond potrebbe essere di colore o anche una donna.

R -Guardi, il nome del prossimo attore che interpreterà James Bond è sempre il segreto meglio custodito al mondo, al pari di quello di Fatima. Se volessimo scoprire i codici di lancio di un missile della NASA forse avremmo migliore fortuna. Tra l’altro, il prossimo sarà il numero sette, cifra di particolare valore nella cosmologia bondiana. Ci sono tanti candidati: quelli più accreditati sono Aaron Taylor-Johnson (già John Lennon in “Nowhere Boy”), Richard Madden (protagonista de “Il trono di Spade”, attualmente impegnato proprio come una specie di Bond in “Citadel”) e il “solito” Henry Cavill (già Superman, già Sherlock Holmes e già spia in “Operazione UNCLE”). La produzione di 007, tuttavia, da sempre cerca attori non particolarmente famosi: se si fa eccezione di Roger Moore, i vari Connery, Lazenby, Dalton e Craig erano tutti alle loro prime esperienze. Ma posso assicurarvi (e Barbara Broccoli me lo ha confermato di persona a Carolei) che il prossimo Bond sarà comunque un uomo. Pertanto, a mio avviso sarà sempre bianco e anglosassone, proprio per richiamare “l’inglesità” del personaggio originale. Ian Fleming voleva fosse così: un uomo, tra i 40 e i 50 anni, inglese. Lo stesso Albert Broccoli diceva ai figli: «Quando siete in difficoltà, tornate sempre ai libri di Ian Fleming. Lì trovate gli ingredienti perfetti». Non ci sarà dunque una “Janet” Bond. Con Barbara Broccoli abbiamo anche parlato dei luoghi, e- a sorpresa- mi ha citato anche Capri, ove però, finora, non hanno girato nulla. Che mi abbia lanciato un indizio sul prossimo film? Aggiungo che a Capri hanno vissuto sia Fleming sia Lucky Luciano…

 

 

DSC_3099.JPG

 

 

 

 

avvocato690x440.jpg

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO LA LETTERA APERTA DEGLI AVV. LORENZO E LACAPRA
---------

Gentili Colleghe
Preg.mi Colleghi
Con umiltà, entusiasmo e voglia di fare abbiamo chiesto ed orgogliosamente ottenuto la Vostra fiducia ed il Vostro sostegno, accordatoci con l'elezione nel Comitato pari opportunità per il quadriennio 2023-27.
La nostra motivazione, in continuità con l'ottimo lavoro svolto da parte di chi ci ha preceduto, risiedeva nel mettere in campo in maniera concreta e fattiva ogni possibile ed opportuna iniziativa al fine di eliminare gli ostacoli che, di fatto, limitano la parità e l'uguaglianza sostanziale nello svolgimento della professione forense, specie a discapito della giovane avvocatura.
Di promuovere le politiche di pari opportunità nell'accesso alla professione e prevenire, contrastare e rimuovere i tanti comportamenti discriminatori.
Nei limiti delle nostre possibilità, avremmo voluto dare il nostro contributo nell’importante Assise rappresentativa.
Ci sarebbe piaciuto elaborare proposte idonee a favorire effettive condizioni di pari opportunità per tutti gli avvocati, in particolare modo per quelli giovani e per i praticanti, sia nell'accesso che nella crescita dell'attività professionale, operando purtroppo, spesso in condizioni di disparità.
Sarebbe stato utile promuove iniziative e confronti tra gli avvocati, gli operatori del diritto, le Istituzioni e gli Enti sulle pari opportunità, cercando di contribuire alla rimozione degli effettivi ostacoli, di ogni tipo, nella partecipazione alla professione forense, elaborare proposte, valorizzare le differenze di genere, senza alcuna discriminazione e valorizzando il diritto antidiscriminatorio anche attraverso la formazione professionale ed il rispetto delle regole deontologiche.
Avremmo voluto promuovere la crescita professionale di avvocati e praticanti operanti in situazioni soggettive od oggettive di disparità, supportando la loro rappresentanza negli organi istituzionali e associativi.
Purtroppo tutto questo non appare possibile.
Logiche incomprensibili, vecchie liturgie e bizantinismi dai quali rifugiamo con forza e stendiamo a comprenderne il senso ci inducono, non senza amarezza, a riflessioni e scelte radicali, ma purtroppo necessarie.
Il risultato elettorale da noi raggiunto, nello specifico primo e seconda degli eletti, unico criterio oggettivo e utile a determinare la governance dell'’Organismo è stato mortificato in spregio alla stessa volontà elettorale, manifestata in modo chiaro da tanti Colleghi e Colleghe che hanno votato conferendo un inequivoco mandato.
Ebbene il risultato elettorale ne esce svilito e irrimediabilmente mortificato, non essendoci altri criteri oggettivi di scelta, e dirimenti, nella composizione degli organismi in seno al Comitato.
Ogni altro criterio proposto dagli altri membri, di carattere soggettivo, con logiche di personalismi, se non addirittura ponendo veti con argomentazioni dai connotati marcatamente discriminatori: il non poter ricoprire la carica per l'apparenza al genere (maschile) o la recente iscrizione all'albo, da cui derive una apodittica inesperienza, appare non solo inopportuna, ma addirittura stridente ed in contrasto con le finalità dell’Organismo, cioè di garantire le medesime opportunità e non adagi a stereotipi o rendite di privilegio e di posizione consolidate.
In pratica ogni criterio proposto era volto a penalizzare le nostre persone.
Come noto l'unico criterio asettico ed oggettivo in una competizione elettorale è quello del rispetto della volontà dell'elettore e dell'attribuzione di significato alla consultazione stessa, in quanto le regole formali per concorrere nelle Istituzioni e negli Enti non possono prescindere dal criterio democratico del voto.
Il tentativo di sovvertire il risultato elettorale è risultato a dir poco mortificante, attesa l'inopportunità di ricoprire la carica di presidente per il membro cooptato e non eletto, non solo per buon senso, ma anche per prassi consolidata dello stesso Comitato, così come rivendicazioni di chi, nelle urne, ha conseguito un risultato elettorale pari a meno della metà di quello conseguito dai primi due, le cui preferenze conseguite sono pari a quasi l’80% dei votanti (L. Lorenzo 173; R. Lacapra 122; L. Rosa 54; F. Gallo 54)
Per questo, con rammarico ed amarezza, constata l'impossibilità di poter coltivare ambiziosi obbiettivi utili alle stesse finalità del Comitato, irrealizzabili perché già in partenza svilite e mortificate, credendo fermamente nei valori espressi, non ci resta che rassegnare, non senza profonda amarezza, le dimissioni.
Non siamo alla ricerca di cariche o di visibilità, infatti il mandato richiede oneri, disciplina ed onore, ma non è accettabile un precostituito veto sul nostro nome senza la proposta di qualsivoglia altro criterio oggettivo di scelta, sfociando poi in un vero e proprio ostracismo.
Sarebbe opportuno, a questo punto, attesa la mancanza di serenità e i criteri discriminatori proposti, che ogni singolo componente del Comitato, eletto e cooptato, compia lo stesso gesto, favorendo così, con nuovi protagonisti, scevri da pregiudizi, l'effettivo funzionamento dell'Organismo.
Allo stesso modo sentiamo forte il bisogno di ringraziare ancora una volta tutte le Colleghe e i Colleghi per la fiducia accordataci, al contempo garantendo sempre e comunque il nostro impegno in ogni contesto e ambito nel quale saremo chiamati.
Con rinnovata Stima
Luca Lorenzo, Rosa Lacapra

 

de_stradis_e_don_mimmo_florio.jpg

 

 CLIKKA SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO ANDATO IN ONDA SU LUCANIA TV

 

 

 

di Walter De Stradis

 

 

 

 

Una quindicina di giorni fa, a pochi metri dal sagrato della chiesa di San Michele, in pieno centro storico a Potenza, si è celebrata un’assurda “cavalleria rusticana”, con accoltellamento finale (come da “copione”) di un ragazzo originario di Picerno (Pz).

Il parroco, don Mimmo Florio (volto noto della chiesa potentina, avendo a lungo ricoperto lo stesso ruolo a Paggio Tre Galli) dalla sua finestra ha visto l’arrivo dell’ambulanza, chiedendosi in cuor suo, ancora una volta, cosa “diavolo” sta succedendo nella parte vecchia della città. La stessa cosa l’abbiamo chiesta noi, a lui.

d: Come giustifica la sua esistenza?

r: E’ una vocazione, sorta quando ero un bambino delle elementari, in una famiglia che di suo era molto credente. E così, già in prima media, entrai in seminario, avviando un lungo percorso in quell’istituto, in cui non sono mancati dubbi e ripensamenti fisiologici, ma che si è poi concluso con la piena certezza che questa era la mia strada.

d: Non vorrei banalizzare, ma c’è stato un evento, un qualcosa, o qualcuno, che le ha fatto capire che quello era il suo destino?

r: Come dicevo, la scelta è arrivata da bambino, ma posso anche dire che poi ho incontrato le persone giuste, i sacerdoti giusti, come il rettore del seminario, don Vito Telesca (un grandissimo riferimento per la mia vocazione), ma anche a Roma ho trovato docenti e compagni straordinari, come don Rocco Colucci, attuale parroco di santa Cecilia.

d: Lei stesso è stato parroco di Santa Cecilia, in un quartiere periferico come Poggio Tre Gialli, mentre oggi, già da alcuni anni, ricopre lo stesso ruolo nel cuore del centro storico. Quali le differenze?

r: Si può dire che a Santa Cecilia la vita sociale sia un po’ più scarsa la mattina, essendo un po’ un quartiere dormitorio. Tuttavia è un rione vivo, c’è una bella realtà, con famiglie e giovani (anche se gli anziani stanno aumentando), pertanto si lavora soprattutto di pomeriggio e di sera, con circa 4/500 bambini tutt’oggi iscritti al catechismo. La sera c’è fermento con adulti e genitori, tramite anche le varie associazioni. Il centro storico, invece, è un po’ più “anziano”, con la gente maggiormente legata a tradizioni antiche; ci tengono in particolare alle novene e a celebrazioni del genere. A Santa Cecilia, invece, la processione la “inventammo” noi, con tanto di statua, perché il mio predecessore, don Pinuccio Lattuchella, era più per il “sociale”, ovvero sport, musica etc.

d: In Centro, invece, a sentire i residenti, di musica ce ne sarebbe fin troppa.

r: (Ride). Sì, bravo, proprio così! Soprattutto la sera.

d: Uno degli argomenti del giorno è la presunta “malamovida” che angustierebbe il Centro e i suoi vicoli, caratterizzata da comportamenti spesso “sopra le righe” di alcuni ragazzi (atti vandalici, risse), e da fatti di cronaca, ultimo dei quali l’arresto di due giovanissimi per detenzione di droga ai fini di spaccio. E’ spesso intervenuto il Prefetto, ma lei che ci vive proprio “in mezzo”, cosa può dirci?

r: Io a San Michele ci vivo, notte e giorno, dal settembre 2017. E subito mi sono reso conto che c’era questo movimento. E devo dire che di recente è pure aumentato, perché prima si registrava soprattutto nel weekend, mentre oggi questo flusso di giovani che passa sotto la mia finestra si è sicuramente esteso. E credo anche che la situazione sia un po’ peggiorata: lo schiamazzo è aumentato tanto che a volte, mentre celebro la messa della 19, il vociare e la musica ad alto volume…, insomma, ho informato anche il Prefetto. E mi son sempre domandato se sia opportuno tenere locali a pochi metri da una chiesa, perché locali che con la loro musica possono “disturbare” le cerimonie, beh, non so, forse dovrebbero stare un po’ più a distanza… e mi chiedo anche se non ci siano delle apposite norme municipali da rispettare, magari.

d: Ma il problema sono soli gli schiamazzi e la musica? Perché se fossero solo questi…

r: …mah, credo che questi ragazzi esagerino un po’ con l‘alcol. Ho questa impressione perché spesso si va a finire a risse e a botte, e io stesso vedo passare polizia, carabinieri, ambulanze. L’altra sera non a caso mi sono affacciato alla finestra chiedendomi cosa fosse successo, e poi il giorno dopo ho letto di accoltellamenti e arresti. Insomma, sì, c’è una situazione che andrebbe più controllata, monitorata.

d: Il Prefetto ha annunciato un implemento delle telecamere, ma io chiedo a lei: che ruolo hanno in tutto questo le famiglie?

r: Beh, non diamo la colpa solo a loro. Anche se proprio l’altro giorno leggevo un intervento dello psicologo, Paolo Crepet, in cui affermava che è venuto meno il “conflitto generazionale”. Nel ’68 e negli anni successivi i giovani “combattevano” contro i loro genitori per ottenere tutta una serie di cose; oggi quei giovani di un tempo sono diventati genitori loro stessi e si sono “rassegnati” e sono poco portati a “stimolare” i loro stessi figli. Ma anche la Chiesa, in tutto questo, dovrebbe fare un “mea culpa”.

d: La Chiesa è un po’ in ribasso?

r: Forse sì, così come la Scuola e l’associazionismo.

d: Sulla Chiesa hanno pesato anche fatti di cronaca e scandali a livello internazionale?

r: Sì, forse ci sono stati dei fatti di cronaca che hanno indebolito la “bellezza” della Chiesa. Se pensiamo invece ai tempi, molto lontani, di san Giovanni Bosco e San Filippo Neri, parliamo di sacerdoti che (insieme ad alcuni laici), lavoravano molto coi giovani. Per la verità, ancora oggi a Potenza ci sono tante parrocchie belle in questo senso, anche quelle di periferia come San Giovanni Bosco, Santa Cecilia… io stesso sono assistente del centro Sportivo Italiano e la settimana scorsa a Nova Siri si è tenuto un convegno nazionale riguardo a tutti gli sport giovanili, e c’erano più di 550 bambini! Una cosa meravigliosa. Ecco, questa potrebbe essere la strada. Sì, la Chiesa qualche errore l’ha commesso, forse anche perché non trova gli stimoli adatti. Se noi stessi trovassimo delle alternative, forse questi giovani potremmo davvero tirarli fuori, non dalla “movida” (perché il divertimento deve esserci), ma da questa “mala” movida.

d: Lei cosa chiederebbe alle istituzioni?

r: Sicuramente il controllo dovrebbe essere aumentato. Ma soprattutto se ci mettessimo insieme, Chiesa, Scuola e Famiglia, si potrebbe pensare a dei progetti concreti, per attivare questi giorni. Via Pretoria si può accendere di vivacità (come accaduto l’altra sera, con gli Amici dell’Hospice)…

d: Mi diceva che ha parlato col Prefetto. E col Sindaco?

r: Anche. Però…humm (si acciglia in un’espressione perplessa - ndr)

d: Però?

r: Sono tutti preoccupati, Sindaco e Prefetto, però…humm, di concreto ancora non vedo nulla. So che la Prefettura ha organizzato controlli più serrati, però mi aspetterei un intervento poco poco più deciso, da parte delle istituzioni.

d: E cosa mi dice, invece, rispetto all’altra, annosa, questione, circa lo svuotamento e lo spopolamento del centro storico? Si parla ormai assiduamente degli effetti deleteri di uffici pubblici delocalizzati e di negozi spostati al Gallitello.

r: E’ vero. Quando vado a Gallitello per fare qualche servizio c’è un tale traffico che non si può camminare, mentre qui –specie la mattina- c’è poco movimento, mentre la sera diventa la “casa” dei giovani, come dicevamo. Il Comune dal canto suo ha sempre fatto molto, penso alla creazione delle scale mobili, per facilitare gli ingressi in Centro, ma certo andrebbe tenuto meglio. E diciamo anche che forse le stesse attività commerciali non sempre sono competitive.

d: Se potesse prendere il governatore Bardi sottobraccio, cosa gli direbbe?

r: L’ho conosciuto ed è una bravissima persona, davvero perbene. Beh, gli direi di lavorare per i giovani, perché la maggior parte di loro va via e qui da noi non ci sono opportunità di lavoro per trattenerli.

d: Tra l’altro, oggi -21 giugno- è San Luigi, patrono dei giovani. In cosa può essere ancora d’esempio per i nostri ragazzi?

r: La ringrazio per la domanda, perché ne volevo parlare. Stamattina, leggendo proprio la preghiera di San Luigi Gonzaga, dicevo che è stato un modello per due concetti che, detti ai giovani di oggi, potrebbero suonare “ostrogoto”: innocenza (ovvero castità) e penitenza. Ma si badi bene che il significato etimologico di “innocenza” è anche e soprattutto “non nuocere”. Pertanto direi ai giovani di essere “innocenti” in questo senso qui: divertitevi, amatevi, ma non nuocete agli altri, e a voi stessi, non esagerate col vino, non praticate il bullismo.

d: E la penitenza?

r: La vedrei così: avere la capacità di fare qualche sacrificio, ogni tanto. Non è necessario uscire tutte le sere e ritirarsi ogni notte alle quattro! Magari i giovani mi prenderanno a fischi, ma io direi: una sera ogni tanto, rimanete a casa a leggere un buon libro! La lettura fa molto bene. Per citare ancora Paolo Crepet, lui racconta che la figlia gli parla sempre di una biblioteca che in Belgio sta aperta fino a Mezzanotte, ed è piena di ragazzi!

d: Il film che la rappresenta?

r: “Qualcuno volò sul nido del cuculo”, me lo fece vedere don Vito Telesca.

d: Il Libro?

r: Un libro di Ferruccio Parazzoli, “Per queste strade familiari e feroci (risorgerò)”, perché parla di un sacerdote che lavora con i giovani.

d: La canzone?

r: “Così Celeste” di Zucchero. Mi porta in cielo.

d: Mettiamo che tra cent’anni scoprano una targa a suo nome, a san Michele: cosa le piacerebbe ci fosse scritto?

r: «Sacerdote di Dio e degli Uomini».

 

foto_cresima_Trinitari_1.jpg

 

 

 

Un dono dall’inestimabile valore di inclusività, per undici ospiti del Centro di riabilitazione di Venosa dei PadriTrinitari, che questa mattina 21 giugno, nella Cappella dell’istituto, hanno ricevuto dal vescovo della Diocesi di Melfi, Ciro Fanelli, il santo sacramento della Cresima. Una giornata di festa, per i ragazzi della struttura, che testimonia la massima attenzione e sensibilità dei PadriTrinitari nei confronti dei propri ospiti. “I Centri di riabilitazione Ada Ceschin Pilone di Venosa e Domus PadriTrinitari di Bernalda - commenta il rettore dei Centri di riabilitazione di Venosa e Bernalda, Vito Campanale - appartengono all’ente ecclesiastico della Santissima Trinità. Oltre ad occuparci degli aspetti riabilitativi, quindi, non possiamo trascurare quelli religiosi. Un giorno mi sono chiesto se tutti gli ospiti dei nostri centri avessero ricevuto il sacramento della Cresima. Fatte le opportune verifiche è stato accertato che alcuni di loro non erano stati cresimati. Dopo aver consultato i familiari ed acquisito il loro consenso e dopo aver ricevuto la disponibilità del Vescovo della diocesi di Melfi, monsignor Ciro Fanelli, ho deciso quindi di organizzare questo evento. Ad accompagnare il percorso di catechesi dei ragazzi, anche la nostra psicologa Tiziana Pagano, che ha voluto cresimarsi insieme a loro. Dal sorriso sul volto dei nostri ragazzi credo che la nostra sia stata una scelta più che giusta”. La cerimonia, alla presenza di operatori e familiari, è stata officiata dal vescovo Fanelli, insieme a Don Felice Di Nardo e a padre Nicola Rocca, superiore della comunità religiosa dei PadriTrinitari di Venosa. “Oggi l’istituto dei PadriTrinitari - commenta il vescovo Ciro Fanelli – ha accolto un evento di grazia molto bello e significativo. Abbiamo celebrato, nella cappella storica della struttura di Venosa, la eucarestia con il conferimento della Cresima ai ragazzi ospiti. È stato un evento che ha toccato il cuore di tutti, degli operatori, dei parenti, dei ragazzi stessi, di quanti erano presenti. Questi undici ospiti della struttura sono stati protagonisti di un evento di grazia. L’invito del Papa a renderci presenti nelle periferie è anche questo”. 

 

 

 

 

 

di Walter De Stradis

 

de_stradis_e_santoro.jpg

Da marzo scorso, Maria Antonietta Santoro, chef del “Becco della Civetta” a Castelmezzano (Pz), è diventata l’unica donna ad aver conseguito l’ambito titolo di “Ambasciatore del gusto” della nostra regione. Alla soglia di sessant’anni -che dire splendidamente portati è poco (e c’è un motivo ben preciso, come vedremo)- nonostante gli studi in Giurisprudenza, Maria Antonietta è chiaramente un libero docente di legge, sì, ma del Sapore. E del Sapere.

d: Come giustifica la sua esistenza?

r: Esserci per me significa portare avanti un discorso relativo a un territorio, un tempo sconosciuto, oggi sempre più apprezzato. Il che comporta essere custode “di saperi e sapori” di questa terra.

d: Come si può raccontare una terra attraverso il cibo?

r: Attraverso la memoria. Se si vuole guardare al futuro, bisogna guardare anche al passato. La cucina è evoluzione. La cucina della nonna è superata perché oggi siamo tutti un po’ più “acciaccati”: mia nonna usava lo strutto, perché prima si lavorava tanto e si smaltiva, mentre oggi usiamo l’olio extravergine di oliva, per esempio.

d: La tradizione è comunque il punto di partenza.

r: Certo. Cinquant’anni fa avevamo una masseria, ove si cucinava per almeno venti/trenta persone al giorno. Si cucinava ciò che si aveva al momento (oggi pomodori, domani peperoni, l’agnello…), anche se ricotta e formaggio c’erano sempre, avendo gli animali. Era una sorta di economia autarchica, ove tutto serviva al mantenimento della famiglia.

d: A molti però non piace la definizione di cucina lucana come “cucina povera”.

r: Infatti non lo è assolutamente, è una cucina molto ricca, in questa terra abbiamo tutto. Anzi, mai come oggi io la definisco “attuale”. Faccio un esempio, uno dei miei piatti è molto antico: fave e cicorie (ne parlava addirittura Aristofane), ma oggi viviamo in un mondo in cui questo genere di cibi è stato riscoperto. Tenga conto inoltre che le erbe prolungano la giovinezza, la mia “farmacia” è infatti di là. Io raccolgo e mangio, sono seguace di Santa Ildegarda di Bingen. Grazie al nostro sole, inoltre, abbiamo i pomodori e possiamo fare le conserve (da cui nasce tutto il discorso della pasta al ragù); ma in questi posti, ove si tramanda ancora la tradizione del maiale, ognuno ha in casa la propria “riserva” (il vaso con la salsiccia). Ricordiamo inoltre la carne podolica, pregiata e autoctona, l’agnello lucano, il maialino nero, ma possiamo parlare anche di cacciagione, di grandi prodotti caseari, il caciocavallo podolico, i caprini…

d: Queste sono le basi, diciamo, ma lei affermava che la “cucina della nonna” non si può rifare. Lei cosa ci mette di suo?

r: Innanzitutto le tecniche di cottura. Prima si cucinava sottocenere, oggi si fa a bassa temperatura, ma il concetto è lo stesso. Oggi siamo vegani per scelta, un tempo per necessità. Insomma, oggi tutto viene “riconsiderato” alla luce dall’abbondanza di cibo, che invece prima scarseggiava. Una volta il secondo era un semplice pane e formaggio (quando lo si aveva), ma uno dei piatti che io ho ripreso è l’insalata di pere all’aceto con lo zucchero. Veniva offerto alle donne quando si “sarchiava” il grano, mentre agli uomini si dava un piatto più sostanzioso (si può dire che c’era in atto una sorta di discriminazione alimentare).

d: Abbiamo appurato che “raccontare” un territorio attraverso il cibo è possibile, ma la sua personale cucina cosa racconta in particolare?

r: Le Dolimiti Lucane, una parte della Basilicata, la cucina che io ho visto fare e che ho trasformato.

d: Ha qualche vecchio quaderno segreto?

r: (Sorride) Il primo quaderno lo feci a scuola, ma prima le ricette non te le dava nessuno, le dovevi rubare, carpire, perché ogni famiglia aveva la propria ricetta storica. Anche quando ho iniziato a lavorare, lo Chef la ricetta non te la dava, dovevi osservare. Pensi che quando ero piccola, qui a Castelmezzano eravamo una delle poche famiglie a fare la pastiera, una cosa insolita. Qui in paese c’è il palazzo della famiglia Parrella/Paternò, che però risiedeva a Napoli: erano loro a regalarci la pastiera, che facevano quando venivano qui d’estate, e noi ricambiavamo con la nostra ricotta. A un certo punto iniziammo anche noi a fare la pastiera, e via via altre famiglie ci imitarono.

d: Quanto è stato difficile avviare un’attività di successo in Basilicata?

r: Mi sono dovuta scontrare prima di tutto con un ambiente maschilista. Badi bene che, trent’anni fa, di “chef donne” non ce n’erano, c’erano solo “donne che cucinavano”. Io, tra l’altro, vengo dal mondo della Giurisprudenza, ma a un certo punto ha prevalso la passione. Vivendo qui, tra grandi silenzi, se si vuol “viaggiare” per il mondo, lo si può fare prendendo le persone “per la gola”. Mi inventai quindi una sorta di primo ristorante, per attrarre gente e condividere. All’inizio era un gioco, ma poi la cosa si fece seria: ho dovuto studiare, inizialmente con uno chef del posto (Pinuccio Volini), uno dei migliori dell’Istituto Alberghiero di Potenza che aveva viaggiato per il mondo. Mi fece sognare e fu una trasmissione orale, una scuola con un vero e proprio precettore. Il cibo è Cultura e la Cultura è anche un tramandarsi di gestualità.

d: Negli ultimi anni il turismo qui è aumentato.

r: Certo, anche se dobbiamo capire bene che sorta di turista vogliamo: c’è quello che ama l’avventura (il Volo dell’Angelo ha dato una vera svolta a questi luoghi), quello che va alla Grancia, i grandi escursionisti, ma c’è anche il turismo eno-gastronomico, ovvero quelli che vengono qui per gustare le nostre materie prime.

d: Quindi va bene così? O magari la politica dovrebbe aiutarvi di più?

r: La politica???

d: Non si arrabbi.

r: No, è che si tira in ballo sempre la politica…loro potrebbero fare le infrastrutture, certo, ma io non chiedo alla politica di fare qualcosa per migliorare la mia tavola: quello dipende da me. Sono stata brava a portare il mondo qui, evidentemente la politica non c‘entra. L’ho fatto da sola. La politica (di ogni schieramento) è chiamata a fare tanto altro, e sempre, per migliorare le condizioni di vita di chi vive dalle nostre parti. Il problema è uno spopolamento che non è mai stato di queste dimensioni, mancano i servizi (qui da noi non c’è nemmeno la scuola media), ma è un gatto che si morde la coda. Pertanto, io esorterei tutti a inventarci un modo per far sì che la gente venga a vivere qui. Ripopolare queste zone significherebbe non dipendere soltanto da questo turismo “mordi e fuggi”: la gente infatti viene qui uno/due giorni, ma poi scappa. E’ sempre un turismo di passaggio.

d: Se potesse prendere Bardi sottobraccio, cosa gli direbbe?

r: Bella domanda. Tornando al discorso di far venire la gente qui, in virtù del nostro stile di vita diverso, che ci fa una terra felice, gli direi proprio di creare ancor di più una terra felice, ove poter vivere senza troppi stress quotidiani. Le persone potrebbero venir qui per rigenerarsi.

d: Cosa farebbe magiare al Governatore?

r: Beh, non la pastiera (ride).

d: Perché lui è Napoletano adottivo e teme il suo giudizio?

r: Sì, ma scherzavo. E’ sempre bello mettersi in discussione, anzi, magari mi darebbe un suggerimento!

d: Quale suo piatto può meglio rappresentare la Basilicata di oggi?

r: Strascinati con cacio-ricotta e peperone crusco (alimento che di suo nasce per la conservazione dei salumi). E’ una cosa solo lucana.

d: L’orecchietta in effetti è pugliese.

r: Ma non è così! Ne ho discusso anche all’Expo! I Pugliesi sono stati solo bravi a farne un brand, grazie a Lino Banfi. Ma le orecchiette qui da noi si sono sempre fatte! Guardi, lei che è giornalista lo sa bene, è tutta una questione di comunicazione: la gallina fa l’uovo e dice “coccodè”, la "tacchina" fa l’uovo lo stesso, ma se ne sta zitta. Ecco, sulla questione orecchiette, noi Lucani siamo delle "tacchine"!

d: Mettiamo che tra cent’anni scoprano una targa a suo nome qui a Castelmezzano. Cosa le piacerebbe ci fosse scritto?

r: Bah, lei mi sorprende con queste domande! Comunque, più che le parole, vorrei dire il concetto: essere bravi a tramandare i nostri saperi a chi viene dopo di noi (allo scopo sto scrivendo anche un libro, “L’amore si mangia”). Altrimenti siamo destinati a cadere nel vuoto. Prenda il pane, una volta lo si faceva in famiglia: io ho studiato una ricetta che consente ai ragazzi, attraverso quella che io chiamo la “tecnologia agevolativa” (leggi Bimby) di impastare il proprio pane a casa loro, scegliendo le farine, in modo tale da sottrarsi a quelle multinazionali che ci propinano cibo-spazzatura.

 

 

 

 

 

 

di Antonella Sabia

 

spera_e_sabia.jpg

Al termine dell'inaugurazione dei nuovi locali dell’ambulatorio multidisciplinare del Dipartimento Oncologico, lo scorso giovedì è stato presentato il Rapporto sull'attività ospedaliera del biennio 2021-2022 dal Direttore Generale del San Carlo, ing. Giuseppe Spera, che abbiamo incontrato per capire l'eredità che ha lasciato la pandemia e quali sono le sfide future del più grande ospedale della regione.

D - Il 2021 è stato caratterizzato dalla seconda ondata della pandemia, anche peggiore della prima, quali sono stati i principali cambiamenti relativamente al COVID?

R - Sicuramente il 2021 è stato un anno peggiore del 2020. Nella prima fase, che tanto ci ha spaventato, la Basilicata ha contato solo 350 positivi, mentre è arrivato realmente a partire dalla fine di settembre 2020, tanto è vero che nel 2021 abbiamo avuto quasi 24mila giornate di degenza ordinaria e 1200 giornate di terapia intensiva solo per pazienti COVID. Abbiamo dovuto trasformare la struttura, creare un ospedale nell'ospedale, cioè creare percorsi divisi, reparti duplicati, per evitare il contagio nell’ospedale e garantire la continuità delle altre attività.

D - Quali sono state le maggiori criticità?

R - Sono state sostanzialmente due, intanto il fatto che un ospedale non è pensato per una patologia infettiva come questa, che necessita di tecnologie separate, pensiamo in primis alla radiologia, dove non c’è un percorso dedicato. Siamo ricorsi quindi a tutte le procedure di sanificazione per poter garantire la cura dei pazienti COVID e la cura di quelli che avevano invece altre patologie. Inoltre, essendo il San Carlo l'unico DEA (Dipartimento di Emergenza Urgenza e Accettazione) di II livello, politraumi, casi gravi di cardiochirurgia, di neurochirurgia e anche di ortopedia dovevano arrivare necessariamente da noi.

D - Nel 2022 è cominciata una lenta ripresa, ma da questi cambiamenti obbligati, il San Carlo ne è uscito giovato in qualche modo?

R - Sicuramente, perché in quel momento l’attività ordinaria dell’ospedale non si è fermata, abbiamo saputo pensare anche al futuro e rilanciare l’attività, attivando nuovi servizi e potenziato quelli esistenti, nonostante ci fosse il Covid. Nel 2022, in ogni caso, le giornate di degenza sono state circa 23mila, ma è diminuito l’utilizzo della terapia intensiva, i vaccini infatti hanno ridotto i casi gravi pur mantenendo l’ospedalizzazione. Non abbiamo focalizzato l’attenzione solo sul COVID, come tante altre aziende ospedaliere, per esempio abbiamo aperto i day-hospital di oncologia e l'oculistica sui vari presidi, dove abbiamo anche avviato la terapia del dolore. Sembrava strano in quel momento pensare di potenziare altri servizi, ma abbiamo ritenuto che fosse il momento adatto per rilanciare.

D - Quali nuove sfide ha lanciato la pandemia?

R - Innanzitutto, quella di essere pronti anche all’imprevedibilità, a quelle situazioni eccezionali di emergenza pandemica che probabilmente non rimarranno isolate. Bisogna essere pronti ad adottare strumenti nuovi sia per la gestione che per i servizi alternativi, per esempio, la pandemia ha aperto molto la vista sulla necessità della telemedicina, così da evitare spostamenti e assembramenti inutili, velocizzando alcuni percorsi che erano troppo lenti.

D - Mi ha anticipato sul discorso della digitalizzazione, oltre al processo di adeguamento, in questi casi è necessario anche un cambio di mentalità?

R - Certamente, in quel momento abbiamo attivato delle agende di telemedicina che adesso stiamo ampliando perché crediamo che per alcune visite di controllo, la telemedicina rappresenti un’agevolazione tanto per l’utenza che non si deve spostare, quanto tutta una serie di vantaggi per gli operatori. Questo percorso deve però essere accompagnato dall'attivazione di presidi sul territorio che possano dare supporto a quei pazienti che ancora non abbiano competenze digitali, in particolare nelle fasce più avanti con l’età.

D - Per quanto riguarda invece il tema della prevenzione, la pandemia ha bloccato ogni attività?

R - Se la prevenzione la intendiamo come screening, come attività di ricognizione prima che avvenga l’acuzie, sicuramente il COVID ha fermato ogni attività, come avvenuto in tutta Italia. Soffermandoci sui LEA (Livelli essenziali di assistenza, ndr) del 2020, confrontati con quelli 2021, la Regione Basilicata aveva un giudizio insufficiente, oggi invece ha ripreso il trend giusto ed è promossa anche dal punto di vista della prevenzione.

D - Durante il COVID l’attività è stata centralizzata sul San Carlo, rimane fondamentale però la presenza dei presidi sul territorio?

R - È stata una scelta necessaria, perché per il COVID c'è stato bisogno della multidisciplinarietà che soltanto gli ospedali di Potenza e Matera potevano garantire, dallo pneumologo all’anestesista, l'area dell'urgenza, e tante altre specialità, tra cui la Malattie Infettive. Era impensabile creare un ospedale dedicato, diverso da quello dei due capoluoghi. Bisogna fare inoltre i conti con quello che i nostri presidi offrono, si tratta di presidi di base, quindi hanno alcune discipline come la medicina, la chirurgia generale, la rianimazione e l'ortopedia, ma non hanno delle specialità che si trovano sui DEA di II livello.

D - Per concludere, quali sono le imminenti sfide del San Carlo?

R - Per il futuro sicuramente tanti progetti da portare avanti, dobbiamo crescere sia nella risposta data sia in termini di qualità. Il Piano Nazionale Esiti ha dimostrato che siamo sulla strada giusta, dobbiamo cercare di far comprendere quello che stiamo realizzando, per esempio con la robotica, con la sala ibrida della cardiochirurgia e attraverso interventi innovativi che pochi centri effettuano. In una regione piccola come la nostra, però, spesso il passaparola è anche basato su notizie non propriamente esatte e forse funziona più della notizia stessa. Apro questo rapporto Biennale con una frase di Lao Tsu: “Fa più rumore un albero che cade, che l’intera foresta che cresce”. Stiamo cercando di far crescere questa foresta, ma magari qualche episodio crea sbavature, che oscurano quello che invece stiamo realizzando. Abbiamo avuto diversi premi, siamo entrati nell’elenco dei migliori ospedali del mondo, si può scherzare quanto si vuole su questa cosa, ma è un fatto essere entrati tra i migliori ospedali del mondo. È la prima volta per un ospedale lucano, il che significa che siamo nella direzione giusta. Siamo anche nei primi posti per bassa mortalità negli interventi di cardiochirurgia, tutti dati consultabili nel Programma Nazionale Esiti, redatto da AGENAS.

de_stradis_e_monaco.jpg

 CLIKKA SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO ANDATO IN ONDA SU LUCANIA.TV

 

 

 

di Walter De Stradis

 

Il potentino Massimiliano Monaco, quarantacinque anni, testa rasata e barba nera e lunga, è stato per ben due volte campione del mondo di kick boxing cinese, e fino al 2022 (anno in cui si è ritirato) è risultato primo nel ranking nazionale delle cinture nere di ju jtsu brasiliano.

Dal 1999, qui a Potenza, è inoltre il direttore tecnico dell’Accademia delle Arti marziali e dello Sport, e come allenatore di MMA (“mixed martial arts”, ovvero “arti marziali miste”) vanta allievi –sia di kick boxing sia di ju jitsu- che militano nella nazionale italiana.

«A livello mondiale si può dire che la MMA sia uno sport, ma anche uno spettacolo, molto seguito (soprattutto negli USA), con un business importante, che confluisce anche in altri media come i videogiochi. E pensare che la arti marziali sono sempre state vittima di due etichette: sport minori e sport violenti»,

d - Nel suo curriculum leggo titoli impressionanti ottenuti nell’ambito di kick boxing “cinese” e di ju jitsu “brasiliano”. Lei è di Potenza e viene naturale chiederle: ma dove diavolo ha imparato queste discipline?

r - (Ride) La passione ti porta ovunque. Ma dobbiamo dire che la Basilicata, anche se magari è poco noto, è sempre stata una piazza molto sensibile alle arti marziali e agli sport da combattimento. Io stesso vengo dalla scuola di Gianni Befà, il primo campione del mondo, che aveva una storia tutta particolare, quella di un autostoppista innamorato di karate-full contact…

d - La disciplina di Van Damme…

r - …praticamente. A lui si deve la diffusione mediatica e cinematografica di questo sport, così come a Bruce Lee si deve quella del kung fu. Tornando alla nostra città, qui ho avuto come maestro quello che poi è stato il primo direttore tecnico della nazionale di kung fu, Xuhao (e questo grazie a un’associazione il cui maestro era Enzo Stella Brienza) e poi nel 1998 andai addirittura in Cina. Insomma, è stato tutto un susseguirsi di studi e di viaggi, ed è il motivo per cui praticare queste discipline, soprattutto per i ragazzi di oggi, diventa un motore di crescita culturale. In Accademia curiamo tutto il settore, a partire dall’avviamento motorio, la pratica pre-sportiva; abbiamo quindi il settore giovanile, quello amatoriale e quello agonistico, fino ai professionisti. La mia soddisfazione maggiore oggi è proprio quello di aver creato un entourage che promuove le cultura sportiva e le arti marziali a 360 gradi.

d - Lei parlava di due “miti” da sfatare: sport “minore” e sport “violento”. Per quanto riguarda il primo, mi pare già di aver capito che in realtà qui a Potenza c’è da tempo una bella situazione.

r - Se parliamo, più in generale, di “arti marziali” (volendo intendere tutte le varie discipline), beh, abbiamo anche tantissimi praticanti di difesa personale, karate, judo. Pensi che allo scopo esistono non una, ma ben due federazioni riconosciute dal Coni, la Fijlkam e la FederKombat, che gestiscono l’intero movimento.

d - Veniamo all’altra nomea, quella di sport violento. Perché un giovane dovrebbe praticare le MMA?

r - I motivi possono essere i più svariati. Per alcuni è semplicemente un più proficuo impiego del tempo libero, piuttosto che passare ore sui social (specie in una città come Potenza), dedicandosi a un’attività sportiva individuale, che necessita però della squadra: un percorso mai noioso, col quale si impara man mano ad affrontare anche i propri fallimenti, senza essere per forza in competizione con gli altri. In ogni caso, possiamo dire che si tratta sempre di un percorso personale.

d - Quali sono i vantaggi fisici?

r - Possiamo dire che le arti marziali sono tra le più “complete” per lo sviluppo psico-fisico. Si richiede molta capacità di concentrazione: trattandosi di uno sport “situazionale”, non viene premiato solo il gesto atletico, ma conta molto la capacità di saper “leggere” cosa sta succedendo nel combattimento. Dal punto di vista fisico, vengono esaltate capacità elastiche, motorie, coordinative.

d - Alcuni “divi” internazionali delle arti marziali cosiddette “in gabbia”, palesano tuttavia un’immagine piuttosto aggressiva.

r - Un po’ sì, tenendo comunque conto che parliamo di scontro fisico. Tuttavia, il “trash talking” e altri aspetti sono riferibili a quei pochi che fanno “spettacolo”, una piccola nicchia di un grandissimo spettacolo che necessita anche di questi aspetti “folkloristici”. Una minoranza, un’eccezione, che stona un po’ col nostro codice etico.

d - Cosa le chiedono le mamme, quando portano i loro figli in palestra?

r - Le esigenze sono diverse. Da noi approda il bambino timido che, attraverso lo studio delle arti marziali e degli sport da combattimento, sviluppa maggiore fiducia in se stesso; così come il bambino vittima di bullismo, e allo stesso tempo, anche il bullo. La nostra è infatti una figura di trainer, di allenamento, che si avvalora del lato pedagogico e affianca il processo educativo.

d - Questo è molto interessante. Il bambino bullizzato acquisisce maggiore fiducia in se stesso, mentre il bambino-bullo cosa impara?

r - Ovviamente si tratta di un fenomeno complesso, che andrebbe analizzato e compreso a 360 gradi, in quanto bisognerebbe più che altro educare a non essere bulli, e non tanto a difendersi. Questo è il grosso dello sforzo. Il bambino che subisce atti di bullismo, praticando questi sport, impara a non essere vittima di tutta quella situazione emozionale che il bullismo porta con sé. Spesso la vittima matura una non-fiducia verso se stessa, a seguito della non capacità di reagire: ma già attraverso dei giochi, mettendosi a confronto, la sua emotività, la sua percezione di se stesso, cresce.

d - La sua autostima.

r - Sì, ma non ha nulla a che vedere col sapersi difendere o meno. Tenga presente che tutto ciò che esula dall’attività sportiva, lo scontro, per noi è una sconfitta.

d - Cioè, uno vostro allievo che esce dalla palestra e alza le mani, per voi allenatori è una sconfitta.

r - Esatto, ma lo sono anche gli scontri verbali.

d - E il bambino-bullo in che modo viene aiutato?

r - Anche lì, bisogna capire cosa li spinge. Spesso sono dinamiche di gruppo, o situazioni emozionali (la loro non-capacità di gestire situazioni ed emozioni). Attraverso quindi delle regole, un processo ludico-educativo (che dura negli anni), accade che in una nostra classe in cui ci sono dieci vittime e due bulli, alla fine si diventi tutti amici. Il ragazzo, se responsabilizzato, alla fine abbandona certi atteggiamenti, relegandoli alla stregua di episodi non ripetuti.

d - E secondo lei la politica locale ha compreso il valore delle cose che stiamo dicendo?

r - Recentemente sono stati organizzati qui in Basilicata eventi importanti (i campionati interregionali ed alcuni galà) e devo dire che le istituzioni ci sono state sempre vicine (ovviamente, con tutte le problematiche strutturali che sono ben note, e che sono di difficile risoluzione da parte del singolo). L’ultimo assessorato regionale ha fatto addirittura aumentare i finanziamenti per lo sport, che per una regione, e per un capoluogo come il nostro, può davvero significare ricchezza e sviluppo (se pensiamo a tutto l’indotto, come il “turismo sportivo”, che eventi importanti e seguiti possono creare).

d - Quindi alla politica non chiederebbe nulla? Va bene così?

r - No, chiederei comunque di stanziare più fondi e di valutare, come dicevamo, che tipo di “indotto” (dal punto di vista economico) può creare lo sport sul territorio. C’è poi l’aspetto culturale: alcuni nostri atleti hanno preso per la prima volta un aereo, per la prima volta sono andati un altro Paese, così come sportivi di fuori hanno visto Potenza o Matera per la prima volta.

d - Se potesse prendere il sindaco Guarente sottobraccio cosa gli direbbe?

r - Guarente -forse è stato il primo atto che ha firmato!- mi ha insignito di una benemerenza sportiva. E’ stato sempre presente a tutte le attività. Pertanto lo ringrazierei, chiedendogli di continuare –come sta facendo- a non sottovalutare lo sport.

d - La canzone che la rappresenta?

r - “Una vita spericolata”, di Vasco Rossi.

d - Il libro?

r - “Follia” di Patrick McGrath.

d - Il film?

r - “L’urlo di Chen terrorizza anche l’Occidente”.

d - Fra cent’anni scoprono una targa a suo nome nella sua Accademia: cosa le piacerebbe ci fosse scritto?

r - (Ride) Nulla.

foto_Action.jpg

 

 

 

 

 

 

Una conoscenza più approfondita dell’inglese e del francese, ma anche di matematica, programmazione e dei principi della robotica, per gli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado dell’istituto “16 agosto 1860” di Corleto Perticara, che comprende anche i plessi di Guardia Perticara, Armento, Gallicchio e San Martino d’Agri, in provincia di Potenza.

Tutto questo, grazie ad una convenzione stipulata con TotalEnergies EP Italia per attivare il progetto “Action!”, programma solidale della Compagnia con il quale i propri dipendenti vengono coinvolti in attività di volontariato a supporto di fondazioni, associazioni no profit e scuole del territorio.

I formatori di TotalEnergies che hanno aderito all’iniziativa, terminata da poco, hanno portato nelle classi quattro progetti sperimentali: “Nous et lesautres!” e “Alltogheter!”, per le lingue straniere, “Matematica con le APP” e “Programmazione e robotica”.

I primi due progetti hanno coinvolto quattro madrelingua francese e inglese, che hanno tenuto lezioni su vari argomenti con la metodologia detta “Clil”, acronimo di “content and languageintegrated learning”, che prevede l'insegnamento di contenuti in lingua straniera.

Il corso “Matematica e App” è stato tenuto da due volontari della Compagnia per gli alunni delle classi 1A e 2A della secondaria di primo grado di Corleto Perticara, che sono stati stimolati all’apprendimento delle nozioni attraverso l'utilizzo di applicazioni informatiche.

Il percorso formativo “Programmazione e Robotica”, infine, è stato sviluppato ad Armento in un’unica lezione di due ore, in cui un dipendente di TotalEnergies ha illustrato ai ragazzi le potenzialità delle risorse Open source di Arduino, la scheda elettronica con licenza libera utilizzata per progetti di robotica, elettronica e automazione industriale.

Il progetto Action! viene promosso dalla Compagnia, in tutto il mondo, per dare ai propri lavoratori la possibilità di contribuire allo sviluppo e alla crescita delle località in cui operano, mettendo a disposizione le proprie competenze. Nel caso del comprensivo di Corleto, l’attività ha mirato all’arricchimento culturale e di conoscenza per tanti giovanissimi studenti.

“Il nostro istituto - ha evidenziato la dirigente scolastica del comprensivo “16 agosto 1860”, Michela Napolitano - punta al raggiungimento dell’istruzione di qualità, che rientra nell’obiettivo 4 dell’Agenda 2030 della Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. Il progetto Action! di TotalEnergies rappresenta un valido esempio di relazione sinergica tra scuola e territorio nell'ottica della continuità orizzontale”.

Riscontri positivi sono arrivati anche dai dipendenti della Compagnia che hanno aderito al progetto.

“Per me, come straniera - ha detto una delle volontarie madrelingua - è stata una bellissima opportunità per creare uno scambio culturalmente e socialmente ricco con gli studenti”. “Ho aderito a questo progetto - ha affermato una dipendente della Compagnia residente aCorleto Perticara - perché credo sia utile a far capire che la presenza di TotalEnergies in Basilicata non è legata solo all’estrazione di idrocarburi. Promuovere l’integrazione con il territorio ed in particolare l’attenzione alle nuove generazioni sono alcuni degli obiettivi perseguiti dalla Compagnia, affinché i giovani possano guidare il mondo verso la transizione energetica.

intervento_di_Campanale.jpg

 

 

 

“Intervenire ed operare nell’ambito dell’autismo è molto difficile. Con l’iniziativa di Bernalda abbiamo voluto mettere in evidenza la delicatezza del lavoro svolto dagli operatori, l’importanza della formazione, la necessità di fare rete fra enti pubblici, centri accreditati, aziende sanitarie e famiglie”. Ad affermarlo, il rettore dei Centri di riabilitazione di Venosa e Bernalda dei Padri Trinitari, Vito Campanale, che ha introdotto i lavori del convegno Ecm di formazione e divulgazione dal tema “Disturbi dello spettro Autistico: diagnosi e strategie di intervento nell’adulto”, in programma oggi 3 giugno nella Domus di Bernalda.

Alla presenza di esponenti istituzionali e del sistema sanitario, di operatori del settore ed esperti di riferimento, al centro del dibattito coordinato dal giornalista Giovanni Rivelli, le tematiche che interessano i disturbi dello spettro autistico, con una particolare attenzione alla condizione degli adulti. “L’autismo - spiega Campanale - è caratterizzato da una sintomatologia eterogenea, che presenta comorbilità neurologiche, psichiatriche e mediche che necessitano di una programmazione negli interventi. Le difficoltà sono molteplici, anche perché le sintomatologie dell’autismo non terminano con l’infanzia, nonostante molti di noi tendano ad associarle alla giovane età. La realtà è molto più complessa, anche per questo sarebbe auspicabile un intervento a sostegno delle strutture che operano nel settore da parte delle istituzioni regionali”.

Nella prima parte del convegno sono intervenuti, tra gli altri, il sindaco di Bernalda, Domenico Tataranno, il presidente dell’Aris (Associazione Religiosa Istituti Socio-Sanitari), don Mimmo Laddaga, consiglieri regionali della Basilicata, Tommaso Coviello - promotore della legge n. 40 del 2021 “Norme in materia di tutela delle persone con disturbi dello spettro autistico” - e Roberto Cifarelli. In videoconferenza, invece, i contributi del Ministro per le Disabilità, Alessandra Locatelli, che ha sottolineato “l’importante operato dei Padri Trinitari, nel seguire da vicino il percorso di crescita della persona con autismo” e del direttore generale dell’Azienda sanitaria di il sindaco di Matera, Sabrina Pulvirenti.

Nel corso dell’evento, che ha consentito ai partecipanti di conseguire 6 crediti formativi Ecm per le professioni sanitarie (medici, infermieri, fisioterapisti, educatori, psicologi) è stato spiegato in dettaglio l’intero processo di presa in carico degli assistiti: dagli aspetti organizzativi e di formazione del personale alla gestione diretta degli interventi. Si è discusso inoltre di disturbi del comportamento, sessualità, affettività, epilessia, genetica. Per quanto riguarda l’autismo in età adulta è stato sottolineato che “non ne è facile l’individuazione, soprattutto per il fatto che spesso i sintomi sono diversi e meno evidenti, e non è raro che vengano confusi con diagnosi di altro tipo, come disturbi dell’attenzione, depressivi o di personalità. Cosa fondamentale del nostro impegno verso ogni persona autistica è certamente la necessità di garantirne la dignità individuale ed un progetto di vita”.

Ad aprire la sessione scientifica, il luminare Roberto Keller, direttore del Centro regionale Autismo Adulti Piemonte (e componente del gruppo di lavori dell’Istituto superiore di Sanità per la redazione delle linee guida per soggetti autistici in età adulta), con il suo intervento “Diagnosi e progetti di vita dall’adolescenza all’età avanzata”. A seguire, la relazione del responsabile dell’Uosd-Laboratorio Genetica Medica dell’Asm di Matera, Domenico Dell’Edera, che si è soffermato su “Genetica dell’autismo e neurosviluppo”, mentre il direttore dell’Uoc-Irccs “Ass. Oasi Maria SS” di Troina (Enna), Maurizio Elia, ha parlato di “Epilessia ed autismo nel corso della vita”. La psicologa Chiara Ferrari, dell’associazione Ideando di Modena, ha tenuto invece una lezione magistrale dal titolo “Intervenire sui problemi comportamentali dell’adulto”. I relatori del pomeriggio: la presidente del Centro Benedetta D’Intino di Milano, Aurelia Rivarola (“Utilizzo della Comunicazione aumentativa a nell’autismo”); il coordinatore sanitario del Centro di riabilitazione dei Padri Trinitari di Medea (Gorizia), Davide Carlino (“Autismo adulto e stress genitoriale”); lo psicologo dell’Istituto di riabilitazione Madre Divina Provvidenza di Arezzo, Fabrizio Giorgeschi (“Affettività e sessualità tra sfide e progetto vita”), in videoconferenza.

 

 

 

 

di Walter De Stradis

 

 

associazione_centro_storico.jpg

 

CLIKKA SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO ANDATO IN ONDA SU LUCANIA.TV

 

Nel suo appartamento in Centro sono state girate alcune scene del recente film girato a Potenza, “La Notte più Lunga dell’Anno”. L’avvocato Gianpaolo Carretta, in passato consigliere comunale, è oggi presidente dell’associazione “Centro storico Potenza”. Lo abbiamo incontrato al Gran Caffè, in compagnia dell’avvocato Michele Tucci, segretario di un’assaciazione che vanta già un discreto numero d’iscritti.

d: Presidente Carretta, la vostra associazione come giustifica la sua esistenza?

r: CARRETTA – Tramite una “mission” chiara: il rilancio e la rivitalizzazione del centro storico di Potenza; puntando primariamente a concetti quali sicurezza, igiene, completamento infrastrutturale. In parole povere, si tratta di dare identità al Centro, attraverso una visione e un progetto. Dopotutto, ed è così ovunque, parliamo del luogo “culto” della città.

d: Nel recente passato lei è stato consigliere comunale del centrosinistra, che attualmente è all’opposizione di questo governo cittadino, e qualcuno potrebbe dire che i veri intenti dell’associazione siano politici.

r: Non creiamo equivoci. L’associazione è apolitica e apartitica e io stesso non sono iscritto ad alcuna formazione politica. Si può dire, invece, che proprio in virtù della mia esperienza e della mia conoscenza dei fatti amministrativi e del centro storico, gli amici dell’associazione mi hanno chiesto di rappresentarli, onde affrontare quella che è una vera e propria emergenza della città.

d: Segretario Tucci, quanti sono gli iscritti? Da quanto tempo esiste l’associazione?

r: TUCCI – Gli iscritti, tra fondatori e persone che hanno aderito viva via, sono circa un centinaio. L’associazione, che esiste da poco meno di un anno, ha regolarmente un codice fiscale e una PEC; è registrata all’Agenzia delle Entrate, proprio per poter operare in assoluta trasparenza.

d: Presidente, gli argomenti sul tavolo sono principalmente tre. Il primo è la Festività di San Gerardo, appena conclusasi, non senza le consuete polemiche e –purtroppo- anche la concomitanza di qualche episodio drammatico; la questione movida e sicurezza; e il problema della “morte presunta” del centro storico stesso. Affrontiamoli in ordine.

r: CARRETTA - Per quanto riguarda la Festività di San Gerardo, ritengo che la cerimonia (che ha innanzitutto una vocazione religiosa, prima ancora che “ludica”) sia nel DNA culturale di questo popolo; anzi, andrebbe meglio “esportata” e fatta conoscere oltre i confini lucani (anche se vedo una processione dei Turchi ancora un po’ troppo “sfilacciata” e che avrebbe bisogno di qualche innovazione). La cerimonia si è celebrata in maniera del tutto dignitosa; sì, ci sono stati eventi particolari, ma noi non apparteniamo alla corrente degli “strumentalizzatori”: la cerimonia andava fatta. Noi, ad oggi (mercoledì – ndr), non conosciamo ancora le cause della morte di questo caro ragazzo; c’è un’indagine della Procura, è stata disposta un’autopsia, e non possiamo assolutamente esprimere in maniera preventiva giudizi che non sono compatibili con quello che è accaduto. Pertanto, la cerimonia, ripeto, andava fatta.

d: Poi c’è stata la vicenda di quel giovane caduto in coma etilico...

r: Sì, però questo attiene ad elementi della gestione della sicurezza del centro storico. Un questione che noi illo tempore abbiamo già pubblicamente denunciato, anche in sede di comitato provinciale per la sicurezza, al quale siamo stati convocati, a seguito di note e diffide fatte. Il centro storico merita un controllo costante: noi chiediamo un presidio della polizia municipale, fisso; e un altro, “concentrico”, ma simultaneo, di tutte le forze dell’ordine (carabinieri, polizia, guardia di finanza, polizia municipale), in occasione del sabato sera e degli eventi particolari.

d: Mi pare di ricordare, tuttavia, una sua intervista al TGR in cui affermava queste cose, e la risposta contestuale del sindaco Guarente: il Comune sarebbe molto attento alla questione sicurezza, in virtù delle telecamere di sorveglianza poste e anche dei numerosi controlli delle forze dell’ordine, che avrebbero portato a diverse denunce.

r: Noi respingiamo le accuse di strumentalizzazione, perché –ahimè- i fatti ci danno ragione: per il coma etilico di una ragazza, per gli episodi –costanti- che si verificano in centro storico, di somministrazione di alcol ai soggetti minorenni. Fenomeni che accadono il sabato sera o quando ci sono eventi particolari. Ne consegue che c’è una mancanza di prevenzione. Noi avevamo suggerito anche la presenza di agenti in borghese, per fare più controlli a sorpresa (più efficaci). Sia chiaro, la necessità che tutti i giovani del centro storico si divertano è indiscussa: noi non siamo contro la Movida, bensì siamo a favore di una Movida regolamentata. Parliamo dunque di vigilanza sui decibel acustici, del divieto di somministrazione di alcol ai minorenni e al di fuori dei locali, del controllo del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. Insomma, il Centro deve essere vivo e vitale, ma controllato.

d: Chiariamoci, perché certi articoli (compresi i nostri) sul presunto spaccio di droga e su fenomeni di violenza registratisi nei vicoli in Centro, da alcuni sono stati tacciati di allarmismo. Qual è il polso reale della situazione?

r: Il nostro Centro, come accade in tutto il mondo, non può essere un quartiere “dormitorio”, e dunque deve essere frequentato dai giovani e deve ospitare eventi sociali, ludici, aggregativi e culturali; ma ci vogliono regole (normativa di settore) e controlli preventivi.

d: Ma le risulta che lo spaccio di droga ci sia? Ci sono giovani violenti pronti a tirare fuori anche il coltello?

r: Che ci siano fenomeni di spaccio, penso che lo dicano anche alcune indagini e perquisizioni che sono avvenute in Centro, anche se non conosco nel dettaglio le successive evoluzioni. Che ci siano episodi di musica e di spettacoli dopo la mezzanotte, con decibel al di sopra delle regole, beh, mi sembra un dato oggettivo: basterebbe vedere gli interventi richiesti da -e alle- forze dell’ordine, nel corso dei sabati sera o di altri eventi. Che ci sia somministrazione, a volte incontrollata, di sostanze alcoliche è anch’esso un dato oggettivo.

d: Segretario Tucci, una volta un ex sindaco ci ha detto che avere a che fare con i residenti del centro storico non è facile, in quanto si vorrebbe la botte piena e la moglie ubriaca (si vuole un centro vitale, ma al primo rumore si protesta).

r: TUCCI – Non mi sembra che la questione sia in questi termini. La questione nasce da lontano: forse una dei problemi più urgenti è che la somministrazione dell’alcol è divenuto l’unico “aggregante sociale” nel centro storico. Non siamo d’accordo con questa impostazione sociale, e chiediamo più sicurezza e controllo.

d: C’è anche chi dice “pigliatevela con le famiglie”.

r: Sì, ma le autorità devono fare la loro parte.

r: CARRETTA - Va fatto di più. Per questo chiediamo una maggiore presenza –simultanea- di tutte le forze dell’ordine, e una postazione fissa della Polizia Municipale.

d: Presidente, veniamo all’ultimo argomento: la crisi e l’abbandono del centro storico del Capoluogo.

r: I problemi sono vari, a cominciare da quello infrastrutturale. Le faccio un esempio: il Comune a Sant’Antonio la Macchia è una scelta “emergenziale” del Post- Terremoto, che a oggi non ha più senso perpetrare. Gli uffici comunali vanno portati in Centro, ove i contenitori adatti ci sono. Una sede di rappresentanza dell’Università va portata in centro storico. Va creata una politica di incentivazione abitativa per gli studenti dell’Unibas. C’è infine un elemento che attiene sicuramente all’offerta commerciale, ma è un po’ il cane che si morde la coda: un Centro svuotato numericamente non è neanche attrattivo commercialmente. Anche perché vi è un’esigenza di parcheggio, che attiene al discorso del completamento infrastrutturale. Ci sono poi alcuni siti (l’ex cinema Ariston, l’ex cinema Fiamma) a proposito dei quali abbiamo più volte chiesto che si mettano in campo delle iniziative, per dare a essi una funzionalità, acquisendoli o trattando con il privato.

d: Se potesse prendere Guarente sottobraccio, magari anche in potentino, cosa gli direbbe?

r: Di darsi una mossa. E quindi in potentino dovrei dirgli “Uagliò, datti ‘na mossa”. I problemi ci sono. So bene che non è facile amministrare una città, specie come la nostra (per problemi economici, di pianta organica, di vastità del territorio), ma lo stesso bisogna assumersi la responsabilità e –soprattutto- mettere in campo visione e progettualità.

d: Però è vero che i potentini si lamentano per carattere?

r: Sì, è nel nostro DNA, però non bisogna confondere la lamentela con la presenza di problemi oggettivi che anche le cronache degli ultimi giorni portano all’attenzione delle istituzioni.

d: Cosa chiedete, infine, ai residenti del centro storico?

r: Di partecipare attivamente, tramite la nostra associazione e tutte le altre forme aggregative. Bisogna uscire, tramite proposte, da quella che può apparire come una mera lamentela.

SCARICA QUI IL GIORNALE

pg_01_20_07_24.jpg

 

  

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROSSIELLO Right-Top in posizione n°2

Chi siamo

Publicom Srl, Potenza. Il free-press cartaceo “Controsenso Basilicata” è edito da Publicom S.r.l. - Questo sito non ha periodicità -ControSenso ha sede a Potenza (Basilicata). Si occupa di informazione, cultura, sport, società e satira.


controsensobasilicata@gmail.com