4c3896ae-fa2a-434d-8078-eb7aec34eede.jpg

 

 

 

SALERNO- mercoledì 14 luglio Bruno Giustiniani apre le porte della sua prestigiosa Villa Giustiniani che rappresenta uno dei fulcri più importanti per la cultura campana all’eccellenza artistica lucana. Una serata esclusiva nella quale si fonderanno note artistiche e musicali di Danilo Vignola transitando per graffianti e spirituali avanguardie del nostro tempo. All’evento non mancheranno istituzioni politiche e religiose, fra cui il vescovo che avranno modo d’ammirare, oltre il live acustico, le preziose tele di Bruno Giustiniani, recentemente pluri premiato in certami nazionali ed in eventi quali la Biennale di Venezia. Perché quella dell’ex primario e chirurgo esteta, è una passione che costantemente rinnova il figurativo dell’olio su tela, celebri le ultime sue opere, quali San Matteo, in onore del Patrono salernitano, l’Ultima Cena nel Cenacolo di Cristo e la recentissima Apocalisse, supportata da una doviziosa pubblicazione su Fatima, ponendo in correlazione profezie e mistero. Dunque l’attività concertistica del celebre duo lucano riparte dai posti dell’eccellenza artistico culturale campana come villa Giustiniani che in passato ha ospitato molti intellettuali nazionali da Sgarbi a De Crescenzo a Walter Pasini… quest’anno toccherà al poliedrico intellettuale Vignola insieme alle percussioni di Giò Didonna in vista del tour mondiale che partirà ad ottobre dall’isola di Wight in Inghilterra per poi approdare a Tokyo e Los Angeles , dove Danilo Vignola sarà in cima al cartellone, come sempre, fra i musicisti più importanti al mondo nei vari festival internazionali di Ukulele.

marengo_2.jpg

 

 

 

Esce per Tempesta Editore Napule’sPower di Renato Marengo, il volume che sancisce definitivamente il racconto del nascere e dello svilupparsi di un movimento musicale – lungo i decenni e attraverso i molteplici generi – che, con i nuovi suoni del rock, dell’etno e del pop, ha riportato la musica di Napoli in Italia e nel mondo, con tutto il suo carico di tradizione, cultura, passione e ritmo, rinnovandola. Il libro ha la prestigiosa prefazione di Renzo Crestied è curato da Paolo Zefferi e gode del Patrocinio di Comune di Napoli Assessorato ai Giovani, Siae, Nuovo Imaie, Festa della Musica, Mei e Audiocoop e Osservatorio Giovani dell’Università Federico II.

Era il 1971 quando per la prima volta Renato Marengo pensò di usare la definizione Napule’sPower per aggregare e guidare la vita musicale partenopea. Erano gli anni del Black Power, il ’68 non era passato poi da molto tempo e proprio allora stava prendendo l’avvio una grande onda che, alla fine, ha coinvolto musicisti legati alla ricerca colta e popolare, artisti folk, musicisti dal curriculum internazionale, giovani appassionati di rock’n’roll ed artisti visionari. Artisti che conoscevano le proprie radici, che avevano ben presente le loro tradizioni, ma con uno sguardo al futuro e con una precisa volontà di cambiamento: artistico, personale, politico. Musicisti usciti dal conservatorio di San Pietro a Maiella o cresciuti all’Università della strada. Musicisti che da ragazzini ascoltavano, e assimilavano, i suoni che riecheggiavano al porto subito dopo la guerra: le canzoni americane, il jazz, il rock’n’roll, scambiandosi note con altri musicisti che ogni sera scendevano dalle gigantesche portaerei della Nato a caccia di whisky, di musica e “signurine”. Musicisti arrivati al successo negli anni ’70 e ’80 e poi diventati il punto di riferimento delle nuove generazioni, della Napoli anni ’90, prima, della nuova onda legata al rap, dopo, e oggi ancora di tutte le grandi novità che animano la città. Tutti, in comune, hanno avuto l’opportunità di vivere in una città come Napoli: crocevia di civiltà, luogo di incontro tra persone diverse, punto di snodo di contaminazioni, fucina di grandi idee, serbatoio della grande tradizione della canzone e luogo che per definizione è una fucina di creatività. La storia, raccontata da Renato Marengo, testimone e protagonista con i musicisti che diedero vita al movimento, parte nel ’71 e arriva fino ad oggi, in un percorso in cui i ricordi, le riflessioni, i riferimenti culturali, storici e politici vanno insieme alla storia musicale, alle canzoni, ai dischi, ai concerti. Insomma questo libro racconta, anche con episodi e aneddoti piacevoli e inediti, come un gruppo di musicisti straordinari sia riuscito a creare un vero e proprio movimento. E come questo movimento, il Napule’sPower, sia diventato e sia ancora oggi patrimonio non solo di Napoli, ma di tutta Italia. Il movimento quest’anno con questo libro festeggia i suoi 50.

Gli artisti

Protagonisti della storia, molti dei quali prodotti da Renato Marengo, sono: The Showmen, Renato Carosone, Nuova Compagnia di Canto Popolare, Roberto De Simone, Osanna, James Senese e Napoli Centrale, Alan Sorrenti, Edoardo Bennato, Tony Esposito, Pino Daniele, Tullio De Piscopo, Enzo Gragnaniello, Teresa De Sio, Enzo Avitabile, Franco Del Prete, Lina Sastri, Jenny Sorrenti e i Saint Just, Patrizio Trampetti, Peppe Servillo e Avion Travel, Concetta Barra, Pietra Montecorvino, Eugenio Bennato, Carlo D’Angiò, Musicanova, Armando Piazza, Luciano Cilio, Mario Schiano, Daniele Sepe, Alberto Pizzo, Ciccio Merolla, , 99 Posse, Almamegretta, Raiz, Clementino, Rocco Hunt, A 67 E ancora Antonio Infantino, Patrizia Lopez, Shawn Phillips, Tony Walmsley, Mark Harris, Paul Buckmaster ed altri.

Intenso il capitolo sul lucano Antonio Infantino, che l’autore fa rientrare nel novero del Napule’s Power nella sua accezione più estesa e che a detta dello stesso Marengo è: «forse l’esponente più importante di quel settore della musica popolare, profondamente impegnato –tra gli anni ’60 e ’70– nella denuncia sociale, che rivendica la lotta di classe come strumento di emancipazione della classe operaia e contadina».

cerone_artista.jpg

 

 

 

“Affissioni d’Artista” è una mostra a cielo aperto a Potenza, fruibile fino al 30 aprile in affissione negli spazi pubblici della città. La collettiva è un progetto di Public Art promosso da Luigi Cerone e dal “Centro Stampa Digitale” di Potenza, con la consulenza artistica di Grazia Pastore direttrice dello “Studio d’Arte Il Santo Graal”. Le riproduzioni fotografiche dei dipinti di 21 artisti sono state stampate in poster tipografici e collocate negli spazi per le pubbliche affissioni regolarmente acquistati.

«Sulla scia delle iniziative di Arte Urbana che animano il mondo dei creativi soprattutto in questo periodo- spiegano gli organizzatori – la collettiva ‘Affissioni d’Artista’ prende temporaneamente il posto della comunicazione pubblicitaria, inserendosi fuori dai tradizionali sistemi di fruizione dell’arte e cercando di dare un senso al ‘tempo precario’ della pandemia ribadendo, nella resilienza, come anche l’arte debba essere vissuta

nonostante le restrizioni dell’ emergenza sanitaria».

Per tutto il periodo dell’affissione i dipinti, nella forma instabile e fugace del manifesto cartaceo, così come fugace ed instabile è il tempo che stiamo vivendo, con temi e stili differenti daranno voce ad una narrazione fatta di colore, di scenari naturali, di figure umane, offrendosi allo sguardo occasionale del passante, alla ricerca di un dialogo con la città.

Gli artisti partecipanti:

Lucia Barbanera, Rosario Ciufo, Franca Coppola, Tina De Stefano, Sarah Di Iorio,

Emanuela Di Mare, Cesare Fazio, Mina Larocca, Vittoria Lasala, Anna Teresa Laurita,

Rocchina Lepore, Pierluigi Lo Monte, Pasquale Palese, Antonio Romano, Rocco

Santacroce, Maria Santarsiero, Rocco Smaldone, Maria Grazia Tarulli, Marilena Trisolini,

Anna Maria Verrastro, Giusy Villano.

 

 

 

canio_loguercio_cotnrosenso.jpg

A tre anni di distanza da “Canti, ballate e ipocondrie d’ammore”, che si è aggiudicato la Targa Tenco nel 2017 come miglior album in dialetto, il cantautore lucano, napoletano d’adozione, CANIO LOGUERCIO, torna sulle scene discografiche con il nuovo album “CI STIAMO PREPARANDO AL MEGLIO”, in uscita a dicembre per Squilibri Editore.

Leggi tutto...

 

 

f6f49874-6434-4e17-bc52-36fe4d2b25ea.jpgLa Consigliera regionale di Parità promuove un contest fotografico ispirato all'attuale situazione di emergenza che le donne lavoratrici stanno vivendo in questo delicato momento.
Fino al 20 novembre 2020 è possibile partecipare al concorso, inviando all'indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., una o più foto per raccontare le nuove modalità di lavoro.
Tutte le foto pervenute contribuiranno alla realizzazione di un video-racconto sullo smart working dal punto di vista delle donne, che sarà pubicato il 25 novembre, un occasione della giornata internazionale contro la violenza di genere.
Le 12 foto più significative daranno, poi, vita al calendario 2021.
Il ricavato della vendita sarà totalmente devoluto all'Associazione Telefono Donna che attraverso il suo Centro Antiviolenza e la casa rifugio Casa delle Donne Ester Scardaccione offre ascolto, sostegno, ospitalità alle donne vittime di violenza.
#ConsiglieraRegionaleParitaBasilicata

 

 

 

FOTO_STAMPA_3da.jpg

Il Forentum Archeotour Fest è un ciclo di eventi estivi organizzati nei pressi delle aree archeologiche che sopravvivono nel tessuto cittadino di Lavello. Il Festival stimola l’integrazione tra l’elemento culturale, proprio di una comunità, e l’elemento territoriale in un unicum che permetta di valorizzare il patrimonio storico con quello artistico. Attraverso l’adozione di linguaggi artistici differenti si cercherà di restituire vita ai luoghi che appartengono alla memoria storica. Malgrado il tempo, infatti, i resti sopravvivono ed esibiscono ancora la grandiosità dello spazio e del disegno architettonico originario restituendo memoria e identità al luogo.

Leggi tutto...

 

 

received_503139890228887.png

 

GENZANO DI LUCANIA- Dopo oltre cinquecento concerti in gran parte d’Europa e nel mondo, il duo lucano Danilo Vignola e Giò Didonna, pubblica il primo singolo. Dal titolo On d’rod, citazione italianizzata del celebre romanzo di Jack Kerouac, la composizione si fa sintesi allegra dell’infinità di posti e persone che i due musicisti lucani hanno incontrato nel mondo negli ultimi cinque anni in tour.

Leggi tutto...

IMG_20190713_181616.jpg

 

L’evento ‘Arte del Sud, il Borgo degli Artisti’, svoltosi il 13 e 14 luglio scorsi a Sant’Angelo Le Fratte, ha visto oltre 100 artisti esibirsi nei due giorni, lungo il percorso del centro storico con spettacoli vari e dinamici e 15 stand enogastronomici di tipicità lucane, campane e pugliesi.

Leggi tutto...

melodie_1.jpg

 

Monica Falcone (Esordienti), Susanna Reppucci (Nuove Proposte e Menzione Speciale Testo) per la Sezione Musica leggera e la band Crushki per la Sezione Etnico Popolare sono i vincitori del Concorso “MELODIE ALLA LUNA” ed accederanno di diritto alla 19esima edizione del Festival di Potenza (serata di gala 16 novembre prossimo). L’evento si è svolto a Sasso di Castalda, nell’ambito del Programma “MATERA 2019 – CAPITALE PER UN GIORNO”, su iniziativa dell’Amministrazione Comunale di Sasso di Castalda.

Leggi tutto...

 

 

 

locadina-2019-2.jpeg.jpg

 

Il 13 e 14 luglio a Sant’Angelo Le Fratte si svolgerà la seconda edizione della manifestazione denominata: “Arte Del Sud, Il Borgo degli Artisti”, organizzata dal Forum dei Giovani di Sant’Angelo le Fratte, sotto la direzione artistica di Michelangelo Volpe ed Elena Ambrosio e la collaborazione del Comune di Sant’Angelo Le Fratte, il Movimento per l’Infanzia e la sua presidente Dolores Nicastro, Tonino Messina e Rocco Sabia.

Leggi tutto...

SCARICA QUI L'ULTIMA EDIZIONE: 27 Novembre 2021

  

 

  

 pg_01_27_11_21.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ROSSIELLO Right-Top in posizione n°2

Chi siamo

Publicom Srl, Potenza. Il free-press cartaceo “Controsenso Basilicata” è edito da Publicom S.r.l. - Questo sito non ha periodicità -ControSenso ha sede a Potenza (Basilicata). Si occupa di informazione, cultura, sport, società e satira.


controsensobasilicata@gmail.com