PotenzaAltamura0110

Il doppio appuntamento tra Potenza e Altamura dà ragione in entrambe le gare ai rossoblù.

La formazione di mister Ragno, si conferma dunque capolista solitaria del girone H, e guadagna il passaggio ai sedicesimi di Coppa, che si disputeranno contro i pugliesi del Nardò (vittoriosi contro il Picerno). 2-1 il risultato della gara serale disputata mercoledì, con una prestazione un po’ affannata, e qualche rischio corso nel secondo tempo. Turnover per gli uomini di Ragno che ha dato spazio dal primo minuto a Guadalupi, con ancora pochi minuti nelle gambe, Ungaro, Lionetti, Russo (all’esordio), Coccia, Berardino e Di Senso, che nelle ultime gare avevano trovato spazio solo in corsa. Gol record di Berardino, a segno dopo solo 9 secondi dal fischio iniziale.
Un risultato più ampio, invece, in campionato (5 reti inflitte ai biancorossi), che fa registrare numeri importanti. 19 gol fatti, 1 subito proprio contro l’Altamura, e punteggio pieno. Guarda tutti dall’alto il Potenza, che domani affronterà al “Vallefuoco” di Mugnano la Frattese a 5 punti, che viene da un pareggio esterno con il Gravina. Previsto grande afflusso di tifosi rossoblù a Mugnano, e circa 800 tagliandi a disposizione. I risultati positivi in serie hanno riportato l’interesse del capoluogo, ma anche della provincia, verso il calcio cittadino, ma ancora prima è l’entusiasmo del Presidente Caiata con il suo zainetto “top secret”, ormai diventato un portafortuna, a essere sempre più contagioso. È una forza trascinante, con le sue azioni e reazioni (lo abbiamo visto saltare con i tifosi altamurani al termine della gara di campionato, o commentare in diretta video il gol di Di Senso), e con tutto l’impegno che sta infondendo, gara dopo gara, per raggiungere un importante obiettivo. Impegno totalmente ripagato dalla città e dai tifosi che sono ritornati allo stadio (anche in Coppa si sono registrate circa 2500 presenze), ma anche dal tessuto imprenditoriale cittadino che appare sempre più interessato a dare il proprio contributo alla causa Potenza.

 

Caiata Esposito