Mister Padalino

Il Matera chiude la trasferta di sabato sera a Benevento sul risultato di 1-1, con la consapevolezza che avrebbe meritato qualcosa in più del pari.

I play off per la squadra “dei sassi”, sono ancora un traguardo lontano, forse irraggiungibile, considerati i 9 punti di distacco dal quarto posto. Il Matera ha dovuto affrontare la capolista Benevento, allenata dall’ex Auteri, una gara che ha lasciato i lucani con l’amaro in bocca. Il Benevento si schiera col consueto 3-4-3, mentre il Matera ripropone una formazione già vista a Messina, il 4-4-2. Matera che non crea molte occasioni ma gioca bene il primo tempo, anche il portiere biancazzurro Bifulco fa il suo, respingendo un mancino di Lopez. Continua l’attacco dei campani, ma la meglio ce l’ha la formazione ospite allo scadere del primo tempo con il cross di Albadoro per Infantino che di testa batte implacabilmente il portiere del Benevento. Nella ripresa il Benevento pressa subito in zona d’attacco, al 7’ l’arbitro vede un fallo nell’area piccole e fischia un rigore, alquanto dubbioso. Squadra di casa che segna dal dischetto e riporta la situazione in parità. Il resto della partita non riserva grandi emozioni, entrambe le squadre tentano più volte di avvicinarsi alla porta senza risultato. Il Matera compie quasi l’impresa, mettendo a segno il primo gol contro la squadra prima in classifica. Risultato comunque utile per la lucana, soddisfatto mister Padalino. “Nel complesso abbiamo fatto la gara che potevamo fare contro una formazione che è la più completa. Non potevamo pensare di venire a Benevento a dominare i giallorossi. Siamo la sesta forza del campionato ed è giusto che a tratti si vedesse la differenza. Sono soddisfatto e contento per come ci siamo comportati”, ha affermato il tecnico a fine partita.
Intanto nella mattinata di ieri, una delegazione dei giocatori del Matera ha fatto visita al Centro diurno «Rocco Mazzarone» per incontrare gli ospiti della struttura e trascorrere del tempo con loro. Questa iniziativa è stata voluta dalla presidenza della commissione Politiche sportive e dall’assessorato Politiche sociali. Il tutto rientra nell’ambito delle attività rivolte a un maggior coinvolgimento dei cittadini e ad una migliore integrazione sociale dei soggetti in difficoltà.