Dimporzano autore del gol partita

Regola fondamentale del calcio: per vincere una partita bisogna segnare un gol in più dell’avversario, non importa quando, non importa come. Nonostante la squadra di casa abbia giocato un match sottotono, il Potenza guadagna 3 punti fondamentali per la classifica (e per la salvezza), segnando il gol della vittoria allo scadere del sesto minuto di recupero, come ormai consuetudine.


Nella 26° giornata di campionato si è giocato sul campo dello stadio Alfredo Viviani, sotto un cielo grigio in tinta con la maglia indossata dalla squadra di casa, schierata con il solito 3-4-3. Il Potenza ha ospitato il San Severo, in giallo granata, in campo con una formazione giovanissima per 7/11. In campo, tra gli ospiti, anche l’ex rossoblù Pierpaolo Di Senso, in maglia 11.
Partita molto equilibrata nella prima fase di gioco, ma al 18’ passano in vantaggio gli ospiti con la rete del bomber Evacuo, che sale a quota 17, non si può dire per lui numero sfortunato. Dopo il gol, il tecnico del San Severo De Felice, opta per un cambio di gioco schierando la difesa a 4, che si rivelerà una scelta sbagliata. Infatti il vantaggio dura pochissimo, il Potenza dopo neanche due minuti di gioco ristabilisce il pareggio, su sponda di Puca, il difensore Mautone centra la rete. Non perdono tempo i rossoblù, nonostante fossero sotto di un gol hanno continuato a spingersi nell’area avversaria. Esperimento andato male, il San Severo ritorna all’iniziale difesa a 3. Nella squadra di casa si sente la mancanza di De Stefano, non convocato per evitare ricadute, una pesante assenza che ha costretto Salvatore Marra al cambio del tridente, al suo posto, Pasquale Esposito classe 93’, che torna a giocare dopo tanto tempo. Arriva il fischio finale, le squadre tornano negli spogliatoi, con il tecnico rossoblù furioso verso alcuni dei suoi giocatori che hanno perso troppo tempo per battere una punizione che alla fine non è stata calciata.
Nella ripresa due occasioni sprecate da Simeri, in particolare nella seconda da solo nell’area piccola non riesce a concludere. Prestazione non molto positiva per lui oggi, gara da dimenticare anche per Esposito. Al 20’ del secondo tempo il San Severo rimane in 10 uomini, doppia ammonizione per Natino e punizione a favore del Potenza. Squadra di casa che deve obbligatoriamente provare a vincere, in superiorità numerica contro una squadra di “Juniores”. Esce dal campo l’ex Di Senso tra gli applausi di tutti i tifosi del Viviani, per lasciare spazio ad un difensore pronto a contenere l’inferiorità numerica. Si intensifica il forcing del Potenza che si fa vedere più volte in zona d’attacco senza però mai concludere. Restano pochi minuti al Potenza per dare una svolta alla partita, mentre il San Severo perde un altro giocatore, Ranieri, per doppio giallo in pochissimo tempo. Il Potenza tenta l’arrembaggio, punizione tirata alla perfezione ma finisce sulla traversa, nulla di fatto. L’arbitro concede 6 minuti di recupero. Il San Severo è chiuso nella sua metà campo dopo la seconda espulsione, tifosi ormai senza speranze quando al 51’ D’imporzano si inventa un gol bellissimo, non solo per il vantaggio. Ha calciato come meglio non poteva fare, trovando un’inclinazione giusta, spettacolo al Viviani.
Come è stato ripetuto più volte nelle ultime gare, la “zona Marra” paga ancora, la continua dimostrazione di una squadra che non molla mai. Una prestazione non ad alti livelli per la formazione di casa, ma era importante chiudere il match con risultato positivo. “Oggi magari non siamo stati bravi come altre volte, ma la squadra non ha mollato anche nelle difficoltà” – ha dichiarato il tecnico rossoblù Marra a fine partita. “Al di là del gol del gol, il nostro portiere Napoli non ha dovuto fare grandi parate, pur giocando con una squadra collaudata. Ripeto, ci prendiamo questa vittoria, pur consapevoli che non bisogna mai mollare un attimo. Anche la questione dei cambi sta favorendo molto la buona riuscita delle partite. È da un po’ che ripeto che anche chi sta in panchina prima o poi avrebbe dato il suo apporto, ed è quello che sta succedendo da qualche domenica. Prima Vaccaro, ora D’imporzano. La vittoria di oggi è un passo avanti verso la salvezza, ma questo non deve farci abbassare la guardia, perché facciamo sempre fatica a vincere le partite, spesso siamo noi a complicarcele. In compenso il Potenza è una squadra con il carattere che tutti i tifosi vorrebbero.” Nel dopo partita, D’imporzano dedica il gol a se stesso, una rete che era stata annunciata da capitan Lolaico prima del fischio iniziale. “Penso che in tanti non credevano nel mio valore, sono riuscito finalmente a dimostrarlo e sono contentissimo per me, per il mister e per la squadra. Un gruppo giovane che ci crede tanto e può fare tanto”, dichiara l’autore del gol partita. Anche il presidente Andrea Vertolomo a fine partita ha espresso soddisfazione per la prestazione dei suoi, per il cuore che ogni volta mettono in campo: “la partita non è stata così negativa, abbiamo preso il gol sul loro unico tiro in porta, Simeri ha creato tre occasioni pur non riuscendo a concludere. Inoltre ho visto anche qualche tifoso in più allo stadio e la cosa non può che farci piacere”. Ancora un volta il recupero si è mostrato alleato prezioso del Potenza, per usare le parole del tecnico Marra “quando segni al 95’ non succede a caso, qualcosa vuol dire”.