montereale.jpg

 

Antonio Vigilante è un giovane ingegnere eletto in una lista civica che ha appoggiato la candidatura a Sindaco di Mario Guarente, impegnato nel mondo dell’associazionismo, è uno dei Portatori della Iaccara, è molto determinato ed animato da buona volontà. Affrontiamo con lui le problematiche affidategli dalle deleghe.

D: Qual è la situazione per quanto riguarda i lavori pubblici in corso di esecuzione? Si può fare una ipotesi di ultimazione dei lavori in corso, appaltati o finanziati?

R: I lavori pubblici ancora in fase di completamento sono il Ponte di Montereale, lo svincolo autostradale Bucaletto, il parco di Parco Aurora e alcune opere di completamento del parco Fluviale. Nei primi due casi siamo alla fase di ultimazione entro i primi mesi del 2020 conto di poterli vedere conclusi, per Parco Aurora siamo alla fase di verifica dei requisiti della Società vincitrice di gara conto nei prossimi mesi di poter vedere iniziare i lavori. Abbiamo inoltre i lavori per cui FAL è il soggetto beneficiario ed attuatore con il sottopasso di Via Calabria ed il sottopasso di Rione Mancusi. Nel primo caso i lavori hanno un cronoprogramma che vede la fine dei lavori per il mese di dicembre ma credo sforeranno per via di qualche criticità in relazione ad interferenze con i sotto servizi. Per il secondo siamo in attesa del progetto esecutivo. In entrambi i casi stiamo sollecitando perché ogni adempimento venga fatto in tempi congrui e certi.

D: Per quanto concerne la programmazione sono stati individuati i prossimi interventi? Quali sono e con quali fondi si potranno realizzare?

R: Gli interventi che sono stati programmati sono diversi e spaziano in diversi settori dell’ente. Abbiamo interventi che riguardano l’efficientamento sia energetico che del patrimonio dell’ente. Inoltre vi è un importante sforzo nell’efficientamento della gestione dei rifiuti. È già nelle nostre intenzioni organizzare una spiegazione pubblica di tutti gli interventi programmati quindi ne parleremo più nel dettaglio a breve.

D: Quale sarà il futuro urbanistico della città? Una città cresciuta in maniera disorganica e disordinatamente, per anni identificata come città del cemento. Con la revisione del RU quali saranno le linee guida da seguire per lo sviluppo della città?

R: Non abbiamo di certo le energie soprattutto economiche per poter immaginare di avventurarci in una variante del RU. Ma abbiamo l’opportunità, nella fase di scrittura delle convenzioni, di per poter intervenire nella direzione del riuso e della ricucitura del tessuto urbano.

D: L’Amministrazione Santarsiero iniziò una interlocuzione con il Consorzio ASI per la cessione dell’area industriale al Comune, l’Amministrazione De Luca firmò un protocollo d’intesa con ASI per trasferire l’area industriale al Comune entro il 31/12/2018, il “trasloco” non è stato fatto, rispetterete l’accordo sottoscritto?

R: Ovviamente si! Stiamo portando avanti il necessario stato di consistenza per il trasferimento delle aree al Comune.

D: Nell’area industriale insiste il suolo di proprietà regionale che ospita i ruderi dell’ex Cip Zoo, come verranno inseriti nel Regolamento Urbanistico quei suoli? In maniera ancora più diretta si potranno realizzare nuove cubature o saranno classificati in maniera diversa? Qual è il suo personale orientamento?

R: L’acquisizione delle aree ASI ci impone di dover intervenire con una pianificazione che la innesti nel Regolamento Urbanistico.

A mio parere è un’occasione da non perdere per poter immaginare standard di qualità anche e soprattutto rispetto alle cubature e dinamiche di contesto già presenti.

D: La città ha bisogno di adeguati spazi per ospitare spettacoli viaggianti (circo, luna park e manifestazioni varie) gli spazi oggi destinati a queste attività creano gravi problemi nel quartiere che li ospita. Come intendete operare?

R: Ragioniamo di un argomento che è sicuramente nelle priorità dell’amministrazione ma dopo neanche due mesi e mezzo di amministrazione avere la soluzione definitiva sarebbe come dire che il problema fosse stato già risolto dalla precedente amministrazione. Ci stiamo cimentando sulla questione e immaginiamo di poter trovare soluzioni che devono però incontrare non solo la nostra volontà.

D: Bisognerà trovare uno spazio attrezzato per fiere e mercati.

R: Anche in questo caso ragioniamo di un argomento che è sicuramente nelle priorità dell’amministrazione