rosaVSnardò

Il primato di classifica è durato 14 giornate, poi ieri, dopo l’ennesimo pareggio (secondo di fila in casa) i rossoblù hanno dovuto lasciare il posto alla Cavese.

Porte inviolate al Viviani, e un netto calo del Potenza che forse è anche fisiologico, dopo 12 giornate da record.
Prima il Gravina, poi il Picerno e ieri un ben organizzato Nardò, hanno frenato la corsa del Potenza di mister Ragno che per domenica prossima ha in programma la importante trasferta di Taranto.
Gli oltre 90 minuti di ieri, hanno rimarcato la necessità della squadra e della società di sedersi al tavolino e mescolare qualche carta, per raggiungere l’obiettivo prefissato allo start. Il mercato invernale viene in aiuto al Potenza, in questa fase di stasi.

dietroporta
Tornando alla gara di ieri, torna Biancola tra i titolari, e prende fiato Di Somma; al centro, per ovviare alle assenze di Esposito e Diop squalificati, Guadalupi, Schisciano e Pepe dal primo minuto. Nardò ben schierato tatticamente, a tratti duro, tanto da guadagnare due gialli nei primi 10 minuti. Al 14’ la rete di Agodirin su un tiro da lontano e clamorosa papera di Breza, viene annullata dall’arbitro dopo essersi consultato con il guardalinee: succede che il Potenza riprende il gioco con una rimessa laterale, invece del calcio di punizione fischiato. Si riparte dallo 0-0, qualche tiro da parte di entrambe le formazioni, ma vere e proprie occasioni nessuna. Primo tempo equilibrato, buon Nardò e poche trame di gioco per il Potenza che forse soffre l’assenza di un regista come Esposito. Molto più Potenza nel secondo tempo, infatti tranne un tiro di Palmisano di poco a lato, sono poi Franca, Pepe e Guadalupi a dare qualche brivido ai tifosi, oltre 3500 presenze nonostante la pioggia. Ci provano in tutti i modi i rossoblù nei minuti finali ma manca quel qualcosa che non permette di concretizzare sotto porta. I cambi di mister Ragno questa volta non influenzano l’andamento del match e la gara si chiude sullo 0-0.
Vince però la Cavese, che ne approfitta per scavalcare il Potenza e prendersi la testa della classifica.
Match chiave quello di domenica prossima contro il Taranto che attualmente è a -10 dal Potenza.

 

RagnoPZnARDò

Mister Ragno:“Siamo stati un po’ lenti nel primo tempo, giocando in verticale. Più positivi nel secondo tempo, dove abbiamo cercato il gol e rischiato pochissimo. In questo periodo facciamo un po’ fatica pur arrivando davanti la porta, in altre occasione fai gol, oggi (ieri ndr) non siamo riusciti. Diamo atto al Nardò che si è difeso bene, noi avevamop un centrocampo completamente nuovo. Bisogna continuare a lavorare e non perdere l’autostima. La squadra ha personalità e reagirà anche alla perdita del primato di classifica”

 

mrTAURINO

Mister Taurino: “Oggi abbiamo fatto una grandissima partita, con tanto cuore e soprattutto con personalità. Non abbiamo mai rinunciato a giocare la palla, costruendo le nostre manovre. Sono orgoglioso dei miei ragazzi, che ci mettono sempre l’anima; è questa la vera fortuna di un allenatore. Sembra che oggi tutte le mosse che ho fatto, i cambi, sono stati azzeccati, la verità è che i ragazzi in campo hanno fatto una bellissima prestazione. Il Potenza è una signora squadra, sono convinto che si giocherà il campionato fino alla fine. È orgoglio per noi non aver subito gol da parte di una squadra che ha numeri stratosferici. Per il nostro percorso di crescita questa è una prestazione importante, ma da domani ci ributtiamo nel lavoro perché ogni partita di questo campionato è dura”