firmaConvenzioRMI

Stamattina nella sala dell’Arco di palazzo di Città, la firma della Convenzione per l’avvio del Programma Reddito Minimo d’Inserimento, tra il Comune, l’Agenzia LAB (Lavoro e Apprendimento in Basilicata) e l’Acquedotto Lucano. Un’altra convenzione era già stata firmata con l’ACTA nei  giorni scorsi.

Si partirà così da domani con il primo step, e subito al via 17 progetti sul totale dei 32 previsti. 388 i soggetti beneficiari, ma al momento sono circa 170 le persone intercettate. Il ritardo sulla tabella di marcia, è infatti dovuto proprio alla difficoltà nel raggiungimento dell’intera platea dei beneficiari, come affermato dall’Assessore ai Servizi sociali Valeria Errico.
Presenti inoltre  il Sindaco Dario De Luca, il direttore generale dell’Agenzia LAB Antonio Fiore, l’amministratore unico di Acquedotto Lucano Michele De Vita, l’assessore regionale alle Attività produttive Roberto Cifarelli, e l’amministratore unico dell’Acta Roberto Spera.

 

FOTOGRUPPO


“Il reddito minimo inserimento, come altri benefici rappresentano una speranza per i cosiddetti «ultimi e penultimi» , è una promessa che abbiamo mantenuto con la collaborazione di tutti i soggetti”, ha affermato Cifarelli.


“ Con questa misura i cittadini vengono sostenuti non in maniera assistenziale, ma a fronte di una prestazione di lavoro. Dunque si da lavoro al beneficiario del RMI, e al tempo stesso una maggiore qualità di servizi all’intera cittadinanza” è stato il commento del Sindaco De Luca.

 

Il direttore generale dell’Agenzia LAB Antonio Fiore: “Ottimo lavoro del Comune, in concerto con la Lab, nonostante le difficoltà oggettive. L’aspetto fondamentale è la creazione di una rete pubblica di soggetti. Inoltre con il Reddito Minimo di Inserimento, ci si muove non solo nell’ottica dell’accompagnamento al lavoro, ma si prova a creare una prospettiva futura per i giovani”.


L’amministratore unico di Acquedotto Lucano Michele De Vita : “Le risorse saranno utilizzate nell’aggiornamento delle utenze che in città sono circa 40mila. Ci sarà l'affiancamento delle risorse agli operatori, dopo una fase preliminare di formazione”.


L’amministratore unico dell’Acta Roberto Spera: “ACTA è ben lieta di accogliere questo progetto. Grande esempio di virtuosità, è un risultato che sottolinea il lavoro sinergico alla ricerca di un obiettivo unico Il progetto di Acta è chiaro e definito, fu presentato già due anni fa. Siamo entusiasti di partire il giorn 12 prima con 10 unità, a cui se ne aggiungeranno altre 4. Entro novembre le altre 31persone, per raggiungere il totale di 45 beneficiari che ci aiuteranno nel completamento della copertura totale in città della differenziata, per poi dedicarci alla pulizia delle strade”.