anzianimelfi.jpg

 

Apposito personale in borghese del Commissariato di Melfi ha individuato due giovani donne, apparentemente straniere, dall’atteggiamento sospetto. Le due, infatti, erano sedute sugli scalini della rampa d’accesso alla sede di un Ufficio Postale della cittadina federiciana e alla vista di due ottantenni si sono avvicinate.

Gli agenti hanno cominciato un’attività di osservazione e pedinamento. Hanno notato così che le due donne hanno seguito le due persone anziane, nel frattempo salite su di un autobus, scendendo alla loro medesima fermata. Qui li hanno di nuovo avvicinati cercando di farsi seguire in un luogo appartato, ma i due anziani si sono rifiutati.

Le giovani si sono quindi allontanate frettolosamente con fare ancora più sospetto tenendo tra le mani qualcosa di non meglio identificato.

A quel punto gli operatori di polizia sono intervenuti identificandole e accertando che si trattava di due rumene provenienti dal campo nomadi di Foggia che erano già state tratte in arresto, nel mese di novembre dello scorso anno, per aver derubato altre persone anziane intercettate con il medesimo modus operandi.

I due anziani sentiti nella circostanza hanno dichiarato di non essere stati derubati e che le due giovani li avevano avvicinati offrendo loro prestazioni sessuali in cambio di dieci euro.

Per le due donne è scattato l’avvio del procedimento per l’irrogazione della misura del Foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Melfi.