santarsiero.jpg

 

Riceviamo un comunicato dell’avv. Salvatore Lacerra, difensore del Dr. Francesco Casella e del Sig. Roberto Mancino, nel quale riferisce che i suoi assistiti, «nel giudizio di responsabilità iscritto al n. 8381 dinanzi la Corte dei Conti, sezione giurisdizionale della Basilicata, per aver prodotto un ipotetico danno erariale conseguente all’affidamento del servizio del trasporto pubblico urbano della Città di Potenza al COTRAB per gli anni dal 2006 al 2015, con sentenza n. 98/2017, depositata in data odierna, sono stati assolti, come assolti risultano tutti gli altri citati in giudizio». Fin qui la nota del legale.


In tutto i citati in giudizio erano 21, fra ex amministratori e tecnici, fra cui l’ex sindaco Vito Santarsiero (nella foto): il danno erariale ipotizzato era di 18milioni di euro.
Per la Corte, come ha riferito il TGR, non sarebbero state rilevate condotte tali da prefigurare idonea capacità del danno, non adeguatamente provato e non si sarebbero altresì presentati tratti di superficialità e incuria amministrativa; né tantomeno sarebbero rilevabili elementi comparativi fra i costi del Cotrab e quelli dell’attuale gestore.
Gli altri citati in giudizio e quindi oggi assolti sono: Alessandro Singetta, Rocco Lepore, Giuseppe Ginefra, Antonio Pesarini, Donato Pace, Federico Pace, Emiddio Fiore, Pietro Campagna, Massimo Maria Molinari, Giuseppe Messina, Donato Coviello, Nicola Lovallo, Rosario Pompeo Laguardia, Mario Restaino, Piero Bongiovanni, Luciano De Rosa, Gaetano Sabatella, Luigi Martino.