furto cellulare

A conclusione di articolate indagini condotte dalla Procura della Repubblica di Potenza e delegate alla Compagnia di Potenza dei Carabinieri è stata data esecuzione in data odierna ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice delle indagini preliminari del tribunale di Potenza, nei confronti di un 35enne indagato per i reati di cui agli arti . 56, 81cpv., 629, 648 c.p. per fatti commessi in Potenza e Roma nel maggio 2016.

L'indagine ha avuto inizio a seguito della denuncia presentata da un religioso della diocesi di Potenza che aveva subito a Roma il furto del proprio borsello con all'interno i suoi cellulari. Nei giorni successivi, questi riceveva diverse telefonate minatorie con le quali uno sconosciuto lo minacciava di divulgare alcune sue foto di carattere privato, presenti nella memoria di uno dei cellulari, se non avesse pagato 20 mila euro. Le indagini dei CC di Potenza hanno permesso di individuare il presunto autore delle condotte estorsive, attraverso l'incrocio dei dati del traffico telefonico e servizi di osservazione e pedinamento organizzati a Roma.