panchinaRossellino

Rossellino, oltre a essere un quartiere periferico di Potenza, è un’area verde collinare “elevata” a parco, ma che in pratica non è mai stata adeguatamente attrezzata per essere considerato un vero “parco pubblico” (anche se con i suoi 365.000 metri quadri è la più estesa area di verde pubblico della città).

Una ventina di anni fa venne realizzato una sorta di “percorso vita” nei pressi del boschetto adiacente l’attuale PalaPergola: all’epoca la struttura era utilizzata per il tennis, ma oggi di quelle attrezzature rimane ben poco, si convive con il degrado e l’incuria, per esempio gran parte dei cordoli del marciapiedi sono sgranati o mancanti del tutto, la vegetazione spontanea Se n’è impossessata. Successivamente vennero posate, sul marciapiedi e all’interno dell’area a servizio del Palasport, una decina di panchine e alcuni cestini portarifiuti, null’altro, per cui è normale che questo parco non ha mai attratto frequentatori. Due o tre anni fa, in un raid notturno, vennero rubati tutti i chiusini in ghisa della pubblica illuminazione presente lungo la strada che approda sulla strada statale 92, iniziativa a opera di professionisti dediti al furto di rame e metalli. Qualche giorno fa un nuovo raid notturno ha preso di mira le panchine, sono state sottratte tutte le spalliere delle cinque panchine posizionate lungo il marciapiedi, sono rimaste indenni le cinque panchine ubicate nell’area recintata del Palasport. Furto per lo meno singolare, in quanto la vendita come rottame di una trentina di fasce di lamiera zincata che costituiscono la spalliera delle panchine, farebbe recuperare pochi euro e, in tutti i casi, il gioco non vale la candela, per cui probabilmente si tratta dell’ennesimo atto vandalico simile ai tanti che quotidianamente accadono in città e che rimangono impuniti.

Rossellinopavimento