TrilogyAcceleratore

Un macchinario estremamente moderno ed efficace, tecniche avanzate e un trattamento che dura pochi minuti.

Da oggi anche il San Carlo avrà la sua Radioterapia, inaugurata questa mattina con il taglio del nastro effettuato dal direttore generale Rocco Maglietta, il sindaco di Potenza, Dario De Luca, il presidente della Regione, Marcello Pittella e il senatore Margiotta.

Il reparto e le attrezzature della nuova struttura posta nel Padiglione F2, saranno gestite dalla società Fora con il suo staff di professionisti, e avrà come direttore il dr. Aristide Barone.

taglionastro opt


Alla fine del taglio del nastro, la visita ai locali che ospitano l'acceleratore lineare Trilogy, prima della conferenza tenutasi nella Palazzina Uffici, in cui sono intervenuti anche il dr. Bilancia, direttore del Dipartimento Oncologico, il dr Barone e il presidente della società FORA, Carlo Quinto Degano.

“Alla fine contano solo le cose che si fanno, a volte serve solo più coraggio”, è stato il commento del Presidente Pittella. “Ci troviamo oggi ad inaugurare – ha continuato il governatore - un reparto di grande importanza, necessario per la dimensione interregionale di questa struttura, ma anche e soprattutto per venire incontro alle esigenze sociali delle persone che sono costrette a viaggi della speranza per le loro terapie”.

 

acceleratore dott opt


Una giornata fausta per l'ospedale e per i cittadini, ma soprattutto un traguardo fondamentale per la Basilicata.

 “La nostra regione ha compiuto grandi passi in avanti: non solo dal punto di vista della crescita economica, occupazionale o della riduzione della povertà, ma anche da quello del salto di qualità culturale. Abbiamo scelto di andare avanti nella direzione intrapresa – conclude Pittella - di mettere in rete e in sicurezza tutti i nostri ospedali, che sono 18 e non sono pochi. Il San Carlo è la struttura sanitaria interregionale alla quale è stata affidata la complessità alta delle patologie anche grazie a questo ulteriore strumento di qualita'”.

Il Centro regionale oncologico della Basilicata (Crob) di Rionero in Vulture (Potenza) manterrà nel frattempo il ruolo di coordinamento tecnico e scientifico. Nei prossimi mesi inizieranno inoltre le procedure per realizzare un reparto analogo a Matera e cercare successivamente di realizzarne un altro a Lagonegro.

 

conferenza opt