grazzanomunicipio

Grassano: Sono stati tre i giorni in cui la cittadinanza grassanese ha festeggiato in maniera civile e religiosa Sant' Antonio. Domenica 11 giugno è stata una serata ricca di emozioni per tutti i cittadini e paesi limitrofi .

Da una parte, in Piazza Della Liberta, il grande Eugenio Bennato cantautore e musicista italiano conosciuto per tutto il suo repertorio musicale e soprattutto per aver fondato nel 1998 il movimento Taranta Power. Ricordiamo i suoi album: "Che il Mediterraneo sia", "Sponda Sud", "Canzoni di contrabbando", "Questione Meridionale". É sulle note delle sue canzoni che la piazza di Grassano era piena di gente che ballava e lo accompagnava con la sua musica. Musica che riporta al passato, a un presente e un futuro non molto lontano. Note colorate, allegre e a tratti riflessive. Ad intervenire sul palco Carmine Donnola descritto dal cantante come il "Poeta contadino", che ha recitato sulle note di Bennato una delle sue splendide poesie: "Leopoldo Scrofolo". Circa due ore di musica e con grande sorpresa l'intervento delle figlia del cantante che ha ballato e cantato incantando tutto il pubblico. A mezzanotte Bannato ha concluso il concerto con la splendida " Nauple é" del grande Pino Daniele. Ma mentre in Piazza della Libertà si festeggia spensieratamente, in Piazza A. Ilvento la gente si affrettava per le votazioni del nuovo sindaco. Ore di attesa, tensione e curiosità. Fino a quando l'esito é staro chiaro. Filippo Luberto ( PARTITO DEMOCRATICO) diventa il nuovo sindaco di Grassano con 1453 voti. Lunedi 12 giugno la nuova Amministrazione é stata accolta dai cittadini in Piazza della Libertà. Presenti, tra gli altri, l'Onorevole Maria Antezza, l'Assessore Regionale all' Agricoltura Luca Braia, Achille Spada (Consigliere Regionale), Luigi Bradascio (Consigliere Regionale) e infine il Sindaco di Tricarico con l'Assessore e il Capogruppo. A parlare a nome di tutti gli invitati é stata l' Onorevole Antezza: " Questa campagna elettorale é stata speranza e rabbia, proposta e protesta. Ma io credo che grazie a tutti voi ha vinto la speranza e la voglia di costruire tante opportunità. Grazie per la fiducia e soprattutto, noi vi chiediamo di essere protagonisti di questo lavoro, di cui avremo tutto il tempo di discuterne. Sarà una politica con la "P" maiuscola affinché il possibile possa diventare resta". Su queste parole era evidente cogliere l'emozione, la felicità e l'umiltà del nuovo Sindaco che interviene in questi termini: " É stata una splendida campagna elettorale, abbiamo lavorato tanto e ringrazio anche chi non mi ha votato. Io sarò sindaco del popolo, ascolterò e ascolteremo tutti. La porta é aperta".

 

Rossana Artese