MarateaMare

Il sindaco di Maratea, Domenico Cipolla, è stato invitato a Roma, l’8 maggio, per partecipare alla Conferenza di presentazione delle Bandiere Blu 2017, nella sala convegni del CNR.

“Andremo a ritirare la Bandiera Blu 2017 – afferma con orgoglio Domenico Cipolla – e anche quest’anno a Maratea potrà sventolare questo importante vessillo, sinonimo di qualità ambientale. Sono 21 anni che Maratea si fregia di questo riconoscimento internazionale, premio per una politica attenta al territorio ed alle sue acque”.
“La Fee (Foundation for Enviromental Education), la fondazione per l’educazione ambientale che premia ed incoraggia le buone pratiche ambientali, continua ad assegnarci una posizione rilevante in questa importante classifica – dice il Sindaco – , un’attestazione di qualità, riconosciuta annualmente, dopo che vengono soddisfatte le diverse attività richieste”.
La Bandiera Blu, compie 30 anni, questo riconoscimento alle località marine, fu istituito nel 1987, Anno europeo dell’Ambiente. Le nazioni che vengono attualmente valutate, sono 48, inizialmente erano solo paesi europei. Per ottenere la Bandiera Blu i comuni balneari devono rispettare parametri importanti e restrittivi in tema di qualità ambientale e per quanto riguarda la qualità delle acque, fornendo i risultati dei campionamenti che devono essere regolari con monitoraggi cadenzati. Un ruolo fondamentale, oltre al rispetto della natura, lo riveste anche la qualità delle strutture ricettive e le scuole con l’educazione ambientale.
Maratea viene fregiata della Bandiera Blu a distanza di pochi giorni da un altro importante riconoscimento per le località balneari che è la Bandiera Verde dell’Associazione dei Pediatri Italiani, conferita perché la qualità delle acque del suo mare è stata riconosciuta a misura di bambino.
Conclude il sindaco Cipolla: “La Bandiera Blu, come tutti i massimi riconoscimenti di cui siamo orgogliosi di ricevere, ci da molta soddisfazione e ci lusinga ogni volta, ma allo stesso tempo, ci responsabilizza, sempre più, come comunità, e da lo stimolo a tutti noi per fare sempre più e meglio per la nostra Maratea”.