din2

 

Il Consiglio regionale della Basilicata è tornato a riunirsi stamattina alle ore 10,30, nel palazzo della Giunta regionale (Via Verrastro n. 4 – Potenza).
Prima della seduta prevista una cerimonia per l’intitolazione dell’aula consiliare alla memoria di Angelo Raffaele Dinardo, presidente della Regione dal 1995 al 2000.


La riunione dell’Assemblea è iniziata con l’attività ispettiva e l’esame di alcune mozioni, a partire da quelle del consiglieri Leggieri e Perrino (M5s) sull’accesso dei consiglieri regionali alla documentazione Ttip, di Rosa (Lb-Fdi) su una nuova deroga alla legge n.124/1999 anche per l’anno scolastico 2016/2017, di Romaniello (Gm) sul lavoro irregolare.Seguiranno le mozioni di Polese e Cifarelli (Pd) sul protocollo d’intesa sulla viabilità nell’area del Pollino, dei componenti l’Ufficio di Presidenza (Mollica, Castelluccio, Rosa e Spada) sugli interventi del Dipartimento di prevenzione nelle emergenze non epidemiche, di Perrino sull’emergenza neve.
Spazio ancora alle mozioni di Polese (Pd) sulla sede associativa dell’Avis a Potenza, di Romaniello (Gm) sul monitoraggio dell’area a valle del Cova di Viggiano, di Lacorazza (Pd) sulla mitigazione del rischio idrogeologico, di Leggieri (M5s) relativa all’istituzione di un ufficio regionale per la mobilità ciclistica e di Lacorazza (Pd) relativa al Piano delle aree. All’esame dell’Assemblea un provvedimento della Giunta sull’individuazione di una nuova area con finalità di protezione civile nel Comune di Policoro, l’elezione di un vice presidente del Consiglio regionale e gli eventuali atti nel frattempo licenziati dalle commissioni consiliari.

“A due anni dalla scomparsa di Raffaele Dinardo, su iniziativa della Regione Basilicata, l’Aula dove si riunisce il Consiglio Regionale porterà il suo nome. Al tempo delle lacerazioni, dell’insulto che sostituisce il ragionamento e la pratica politica al servizio del Paese e delle comunità, della produzione dell’odio sociale di massa, si è deciso di ricordare una persona che ha fatto della buona politica e dell’impegno sociale la ragione della propria vita. Questo gesto, in una fase come quella attuale, rappresenta una scelta importante non solo per nutrire la memoria e il ricordo ma anche per non distruggere il futuro di una terra”.
E’ il commento di Pietro Simonetti (Cseres) che ricorda Raffaele Dinardo, presidente della Regione Basilicata dal 1995 al 2000.

din 2

din 3