MarsicoRomanielloRobortella

La seconda e la terza Commissione del Consiglio regionale (presiedute, rispettivamente, da Giannino Romaniello del Gm e da Vincenzo Robortella del Pd) hanno avviato oggi l’esame del disegno di legge della Giunta regionale che prevede variazioni al bilancio di previsione pluriennale 2016/2018 e disposizioni in materia di trasporto.

Con il provvedimento, illustrato ai consiglieri dal dirigente generale del Dipartimento Presidenza della Giunta Vito Marsico (coadiuvato da Alessandra Campa dell’Ufficio Bilancio e dal dirigente dell’Ufficio Trasporti Donato Arcieri), si prevedono variazioni a saldi invariati sia alle entrate che alle uscite del bilancio di previsione pluriennale 2016/2018. In particolare, nel 2016 si prevede una riduzione di circa 34,3 milioni di euro delle entrate le royalties del gas e del petrolio in conseguenza del fatto che i relativi introiti, alla data del 30 giugno 2016, hanno fatto registrare una consistente diminuzione dovuta alla riduzione del prezzo del petrolio. Sempre sul fronte delle entrate, da segnalare le variazioni in aumento relative al gettito Irap (+ 10 milioni di euro), all’accertamento dell’avanzo di amministrazione del Consiglio regionale (+ 5 milioni di euro), alle spese per competenze professionali recuperate a seguito di sentenze (processo Icla, pari a 4,3 milioni di euro) ed al fondo perequativo per l’iva nella sanità (+6,5 milioni di euro che non erano ancora stati iscritti a bilancio).

Per quanto concerne le uscite finanziate con fondi liberi regionali, si prevede di aumentare le spese per il personale (circa 9 milioni di euro), quelle relative al funzionamento dell’Ente (manutenzione, vigilanza, spese postali e telefoniche ed altre spese obbligatorie per circa 1 milione di euro) e le spese per il servizio di alta velocità (180 mila euro provenienti dagli accantonamenti iscritti nei fondi speciali per il 2016 e 3,12 milioni di euro provenienti dagli accantonamenti dei fondi Por 2014/2020 per il 2017). Per le uscite si prevede inoltre una riduzione di circa 15 milioni di euro di spese previste in bilancio ma relative a somme che non potranno essere impegnate entro il 31 dicembre 2016 e di 4 milioni di euro per somme erroneamente iscritte in bilancio.

Previste, inoltre, variazioni in aumento riguardanti le risorse vincolate (21 milioni di euro in più dal riparto del fondo sanitario nazionale a seguito dell’intesa firmata tra Governo e Regioni, Fondo sociale europeo, Fsc 2014/2020).

Marsico ha precisato che sul disegno di legge, accompagnato da una relazione e da diverse tabelle finanziarie, è stata prodotta anche una integrazione documentale con lo scopo di chiarire meglio alcune partite dopo le richieste avanzate dalla Struttura di missione del Consiglio regionale. Il ddl nasce dall’esigenza di definire entro il 30 novembre, termine previsto dal decreto legislativo 118/2011, le variazioni urgenti da rendere operative ai primi di dicembre per ciò che riguarda il personale e le spese manutenzione e di funzionamento, prendere atto delle maggiori entrate del fondo sanitario e ed avviare in via sperimentale per un anno il servizio di alta velocità. Per questo servizio si prevede una spesa massima di 3,12 milioni di euro, somma che potrà diminuire in base agli introiti del servizio.

“Nel settore del trasporto pubblico locale – si legge nella relazione di accompagnamento al disegno di legge – è necessario attuare politiche finalizzate all'elevamento della qualità dei servizi offerti, e in tale ambito assumono particolare rilevanza i collegamenti ferroviari verso l'Alta Velocità ed i principali nodi trasportistici della rete nazionale. L'assenza di risorse per il potenziamento ed adeguamento dell’infrastruttura ferroviaria con particolare riferimento alla linea Battipaglia -Potenza, determina la necessità di dover procedere prioritariamente e da subito con la ristrutturazione dei servizi che di per sé, pur non compensando le carenze connesse allo standard fisico della rete, consentirebbe quantomeno di influire su alcune variabili alla base scelta della modalità di trasporto da parte degli utenti”.

Dopo l’illustrazione del provvedimento sono intervenuti il presidente Romaniello e i consiglieri Lacorazza, Giuzio, Rosa, Perrino e Napoli, rivolgendo domande e svolgendo considerazioni sui contenuti del disegno di legge. Lacorazza ha chiesto tra l’altro che sulla questione del servizio di alta velocità si costruisca un percorso condiviso anche con i sindaci del Potentino. Perrino ha chiesto se la Basilicata si accollerà anche i costi per la parte di percorrenza di altre regioni e se le alte Regioni contribuiranno a sostenere i costi del servizio. Rosa ha espresso perplessità circa le previsioni relative alle entrate dell’Irap nel bilancio pluriennale, mentre Romaniello ha chiesto perché nel provvedimento della Giunta non sono previsti fondi per la forestazione. Il tema della forestazione, come pure i finanziamenti della legge 40 sull’uso delle royalties e ed i fondi ai Comuni e alle Province (temi sollevati da diversi consiglieri) saranno al centro dei successivi provvedimenti (Rendiconto e Assestamento) che la Regione – ha spiegato Marsico – dovrà adottare nelle prossime settimane tenendo conto della ristrettezza dei fondi a disposizione.

Al termine dell’audizione il presidente Romaniello ha aggiornato la seduta a domani, alle ore 9,30 anche per l’esame di eventuali emendamenti al disegno di legge della Giunta.

Alla riunione congiunta delle Commissioni, oltre ai presidenti Romaniello (Gm) e Robortella (Pd), hanno partecipato i consiglieri Cifarelli, Giuzio, Miranda Castelgrande, Lacorazza, Polese e Santarsiero (Pd), Bradascio (Pp), Perrino (M5s), Rosa (Lb-Fdi), Napoli e Castelluccio (Pdl-Fi) e Pace (Gm).