gallitello ci siamo

Stavolta ci siamo per davvero, probabilmente entro fine aprile una parte del “nodo complesso” si scioglie: in una intervista pubblicata sul Quotidiano del Sud del 12 aprile il Sindaco prevede 10 giorni ancora per ultimare i lavori (nell’intervista rilasciata a Controsenso e pubblicata il 2 aprile scorso la data di fine lavori era prevista per la prima decade di maggio).


Abbiamo interpellato il Direttore dei Lavori, l’ing. Pasquale Lanzi, per avere una conferma ed egli precisa che lunedì 18 aprile prossimo sarà aperto il tronco che da via Isca del Pioppo, all’altezza della rotatoria, si innesta a viale del Basento all’altezza del passaggio a livello, con questa apertura si potranno ultimare i lavori su via del Gallitello per raccordarla alla bretella di accesso ai cavalcavia. Questi lavori vennero iniziati l’autunno scorso ma vennero sospesi per le vibrate proteste dei commercianti. Pochi giorni per realizzare l’innesto di via del Gallitello al “nodo” e finalmente si potrà scavalcare la linea ferroviaria e una volta per tutte l’odiato passaggio a livello potrà andare in pensione, date non ne vengono fatte ma entro la metà di maggio si scriverà la parola fine alla vicenda che dura da 9 anni invece dei 700 giorni preventivati.
L’impresa impegnata nell’ultimazione dei lavori ha già messo in libertà parte del personale, il cantiere però è un brulicare di addetti, sono le ditte esterne impegnate a realizzare le barriere, le recinzioni e la segnaletica stradale. Tutte le opere del “nodo” non saranno illuminate perchè nel progetto non era previsto per la cui realizzazione sarà necessario indire apposita gara e possono passare diversi mesi prima della realizzazione. A breve invece sarà illuminata la rotatoria che collega viale del Basento alla SS 92 verso Pignola e la ex SS94 verso Tito.