Donato Imbrenda web

Poeta, autore di satira, ricercatore storico (è uscito da poco “Filippo Calabrese, il confinato dell’Appennino” scritto con Franco Villani), pittore, scultore, prestigiatore, autore di canzoni (suoi due brani cantati da Agostino Gerardi): Donato Imbrenda è un “ragazzaccio” irriverente di 75 anni.

Sangue aviglianese DOC nelle vene, è assai noto per i suoi componimenti satirici in vernacolo. Ai suoi spettacoli la gente ride a crepapelle e i politici ci vanno per farsi notare, salvo poi dover abbozzare e incrociare le dita. Un paio di anni fa, “Controsenso” pubblicò una sua poesia, intitolata “Gli Scundrin’”, ispirata ai fatti di “Rimborsopoli”: avemmo notizia di gente che in giro per Potenza fotocopiava quella pagina del giornale. Un fatto di per sé clamoroso per una testata, come la nostra, che è gratuita e soprattutto non lesina copie.
D: Come giustifica la sua esistenza?
R: Mi ha messo in difficoltà. Non ci sarebbe una domanda di riserva?
D: Eh, no.
R: Beh, io sono appassionato di Storia e di ricerca. E quindi ho sempre dedicato tutto me stesso al reperimento e alla pubblicazione di documenti e scritti inediti o dimenticati. Col lavoro di quarant’anni, ho allestito un bell’archivio –ho anche dei manoscritti, dal 1600 in poi- e capita spesso che i ragazzi dell’Università mi chiedano del materiale su questo o quel personaggio o su determinati avvenimenti storici. A volte riesco a fornire informazioni inedite, che altrimenti andrebbero perse. Difatti, molta gente mi dà carte e testimonianze varie in suo possesso, perché sa che io prima o poi le pubblico.
D: Lei è noto anche e soprattutto come poeta, autore in vernacolo aviglianese. Un vernacolo piuttosto rigoroso.
R: Beh, “poeta” è una parola grossa. Io faccio satira. Tutte le cose che succedono, in Basilicata e nel Mondo, io le commento così: la nube di Chernobyl, il Papa, Italia ’90, ma anche Matera Capitale, il Petrolio che non ci arricchisce…
… e Rimborsopoli. La sua poesia “Gli Scundrin’”, pubblicata sul nostro giornale, ebbe un successo clamoroso. Ricordo ancora l’incipit, «Nunzabbòtten mài sti puorc/tènen’ na màna lònga e una còrc/cu quèdda lònga accòglie gli scundrin’/cu quèdda còrc se magnèn’ gli carrìn’».
Sì, in realtà io ho iniziato a scrivere per la conservazione del dialetto, e ho capito che la gente riesce a percepirlo meglio con la satira; le persone, divertendosi, riescono a cogliere meglio il significato di quel vecchio vocabolo che oggi non si usa più.
D: E secondo lei la satira che cos’è?
R: Non avrei una definizione, posso dire che quando c’è un politico che si comporta un po’ così, io lo “definisco” con questi miei scritti in dialetto.
D: In questi giorni, a distanza di un anno dalla strage, “Charlie Hebdo” continua a far parlare di sé. Il dibattito ricorrente è: la satira deve avere dei limiti?
R. Credo che dei limiti debbano esserci, sì. Come reagiremmo noi Cristiani se vedessimo su un giornale il nostro Cristo messo sotto i piedi? Vorrei ben vedere…
D: Ai suoi spettacoli spesso e volentieri si vedono dei politici. Per un autore di satira è un bene o un male?
R: Un bene, perché gli spettatori “normali”, quelli che non sono in prima fila –perché i politici si mettono sempre in prima fila- riescono a cogliere le reazioni di questi “vip” alle mie battute. Quando scorgo un personaggio in vista ai miei spettacoli, lo tiro sempre in ballo. L’altra sera a un vescovo l’ho fatto nero. Non è certo un caso che, quando faccio satira, applaudono forte dalla seconda fila in poi. In prima fila, invece, ci sono parole sottovoce e applausi abbozzati.
D: Nelle sue serate ci sono anche intermezzi di “magia”, che esegue lei stesso: come ha imparato i trucchi del prestigiatore?
R: Nei primi anni ‘60, quando ero un immigrato lucano a Milano. Nei pressi di casa mia c’era una baracca in cui viveva un vecchio clochard. Io gli portavo qualcosa da mangiare, e lui mi insegnava i primi trucchetti.
D: Chi è più bravo a far “sparire” le cose, i maghi o i politici?
R: (Ride). Una volta stavo facendo uno spettacolo e dissi proprio questo. Ci avevo alcuni politici seduti davanti. Feci il trucco della sparizione della banconota e, indicando quegli spettatori in prima fila, chiosai: “Io i soldi li faccio sparire, ma a differenza loro, poi li faccio ricomparire!”. La verità è che oggi i politici vanno al potere esclusivamente per riempirsi il portafoglio. Si è persa ogni tipo di cultura, alla Regione ci sono funzionari che non “attoppano” due parole.
D: Ha mai fatto arrabbiare qualcuno?
R: Credo di sì, ma guardi, io dai politici sono comunque ben visto. Mi riconoscono l’obiettività.
D: Nella sua Avigliano ci sono molti “cervelli”, ma –mi dicono- anche molta invidia.
R: Eh! Non si uccidono per mancanza di tempo! Specie tra i “poeti”. E questo è un male.
D: E di Potenza cosa non le piace?
R. Hanno deturpato il Centro Storico. Non c’è la cultura della conservazione. Anche ad Avigliano hanno abbattuto quattro chiese di grande valore.
D: Prima ha fatto cenno al petrolio che “non ci arricchisce”.
R: Sì, come spiega una mia poesia sul tema, dovremmo essere tutti sceicchi, e invece, siamo male in arnese. A suo tempo, feci anche una poesia sul nucleare. Traduco alla meglio: «Gente di Policoro, Metaponto e Scanzano, con i figli digiuni e senza pane, hanno levato acqua e malaria, e adesso questi porci ci vogliono levare l’aria… per far contento Bossi, prendiamo la monnezza della Padania e la gettiamo nella Lucania…».
D: Di cosa avrebbe bisogno la nostra regione, in primis?
R: Di persone serie. Ma in politica le persone davvero serie non possono andarci, perché prima o poi si finisce con lo “sporcarsi”.
D: Il libro della sua vita?
R: “Tradizioni e canti popolari lucani” di Raffaele Nigro.
D: La canzone?
R: “Ancora” di Eduardo De Crescenzo.
D: Il film?
R: “Ladri di Biciclette”, di De Sica.
D: Fra cent’anni cosa vorrebbe fosse scritto sulla sua lapide?
R: “Che càzz’ uàrd’?”.

 
FIAT SATA
di Donato Imbrenda 

 

Quànn’ hàn’ mìs’ la Sata a S. Nicòl’,
sta térra parìa c’avìa piglià lu vòl’.
Tòtt’ re càrn’ giòven’ a fa dumànd’
chi sà re pigliàrn’ a tùtt’ quànt’.
A nù re vulérn’ màngh’ tànt’ hrìtt’
ca r’avérna cummannà a bacchétt’
A pe trasì ssi uagliù diplomàt’,
lu tìtel’ re stùrìj l’hàn’ scarpesciàt’.
Cùm’ se éra na vrehògna la hrìttèzz’,
quànta sacrifìcij pe uaragnà na stòzz’.
Fàn’ tre tùrn’ ndà na sciurnàt’,
nùn fàn’ attièmp’ a fa na magnàt’,
p’attaccà a re diec’, pàrten’ a re ggòtt’
nùn z’àn’ ne se jé iuòrn’, a ne se jé nòtt’.
Tra Rep’, Càp’ Ut’ a lecchìn’
so trattàt’ pésci re gli marucchìn’.
A mogliaddìj pìglia na mbluénz’!
Lu mièrech’ fiscàl’ fàc’: tràs’ a jènz’.
S’arretìren’ mièzz’ scurlannàt’,
màngh’ na migliér’ vén’ susumàt’.
Addì ca re bòln’ fa na carèzza
azzòppen’ ndérr’ re la ribbilèzza.
Pe fà ngrassà lu cùl’ a lu patròn’!
s’ada parlà sémp’ re produziòn’.
A nùn pénzen’ a ssi figliarièdd’
ca viàggen’ a l’àssen’ la pédda,
sòpa quèdda stràda malerétta
c’arrevénta sémp’ chiù strètt’,
muòrt’ re suònn’ lu matìn’
ndà n’autobbùss’ nzaccàt’ cùm’ sardìn’.
Tànta còs’ nùn zè pòn’ rì, t’hàia stà cìtt’,
se nò te mmànnen’ ngàs’ hrìtt-hrìtt’.
Pe quèss’ fàn’ re pécur’, nisciùna se làgn’,
se vàn’ ngùl’ tra cumpàgni.
Nùn z’àn’ ca se so aunìt’, trémen’ pùr’ gli patrùn’,
se nò, avissivòglia a rumanì cazzùn’.

 

 
“Lu matrimònij”
di Donato Imbrenda


A chi se vòl’ scurdà ssà sciurnàt’
Ca lu prèùt’ n’ hàv spusàt’,
A nùi tùtt’ cuntiènt’
Aunìt’ cu gli pariènd’.
Nda la Chiesa tùtt’ skantùs’,
ca la féra èra strìtt’ lu purtùs’,
a pe feccàll’ jè stàt’ amàr’,
n’hàv aiutàt’ a vuttà lu cumpàr’.
Ròpp’ ca lu Prèùt’ na fàtt ri sì!
Gli vàs’, nù vulèrn’ fernì,
sìm’ anzùt’ chiàn-chiàn’ arrafòr’,
Ne sbattìa fòrt-fòrt’ lu còr’.
Re criàtùr’ cuntiénd’ … gli vùcch’,
jé scappàt’ nu cumpiétt’ nda nuòcch’
jè accumunzàt’ bòna la sciurnàt’
n’uòcch’ nìur’, a lu tùpp’ abbuttàt’.
Lu fotògraf’ pe la vìa
Pe fa na mèzza fotografia,
ne fàcìa uardà gl’iaucièdd’
a ne jè menùt’ lu turcicuòdd’.
Ròpp’ n’hàm’ attuppàt’ tùtt’ quànd’
Sìm’ arruàt’ a lu ristorànd’,
a ddà, hàn’ accumunzàt’ ra pèr
s’hàn’ mìs’ a vasà, marìt’ a migliér’.
Chi cu na bùsta pesànt’
Chi te la racìa vacànd’
O nu servìzìi ri piàtt’ doràt’
C’avèrn’ accattàt’ a lu mercàt’.
Finalmènt’ n’hàm’ mis’ a magnà,
me èra stracquàt’ r’aspettà.
tra bàll’, sauzìzz’ a miér’
me èrn’ abbuttàt gli piér’.
Nù vérìa l’òr ca fernìja la fèsta
Miglièrem’ se vulìa cagnà la vèsta.
Io me vulìa scì a curquà
A quìdd’ cundunuàrn abballa.
N’hàm arretràt’ miézz’ sciuffulàt’,
Sòp’ agliétt’ m’hàm’ appusciàt’
Ròpp’ na sciurnàta tònna-tònna
Ndà ru mègli, niè menùt’ lu suònn’.!