pag5

Uno dei punti qualificanti della Giunta Comunale potentina guidata da Dario De Luca è la realizzazione delle opere pubbliche pianificate attraverso un accordo di programma sottoscritto dalla precedente Amministrazione nel 2013 in attuazione del POF FESR 2007 – 2013, sono 26 milioni di euro che la giunta Santarsiero aveva impegnato per una serie di interventi, ma non venne definito l’intero iter procedurale.

E’ stato l’Assessore Leonardo Cuoco scelto da De Luca a prendere in mano la situazione e attraverso un oscuro lavoro in accordo con gli uffici comunali ha provveduto a rimettere in corsa i 26 milioni di euro che si rischiava di perdere. Sono stati mesi di intenso lavoro, è stato necessario verificare la fattibilità reale dei singoli progetti precedentemente candidati ad essere realizzati con l’utilizzo del Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC). E’ stato creato un gruppo di lavoro coordinato dall’Assessore Cuoco, dai dirigenti e dai tecnici che ogni 20 giorni si riunisce per esaminare l’avanzamento dei vari iter e apportare, eventualmente modifiche o risolvere i problemi che si presentano.
Entro il 31 dicembre il Comune deve formalizzare le aggiudicazioni provvisorie. Le Commissioni di appalto devono formalizzare l’aggiudicazione provvisoria se c’è qualche intoppo e se la data non viene rispettata si rischia una sanzione dell’1.5 % dell’importo che viene applicata dal Ministero competente. In tutti i casi se entro il 30 giugno 2016 non si riesce ad attivare l’iter procedurale il finanziamento viene definitivamente revocato.
Le Commissioni di Appalto avranno il loro bel da fare, dovranno lavorare a ritmi serrati, difficilmente quest’anno sarà possibile usufruire delle ferie per le festività natalizie. C’è un fitto calendario di impegni calendarizzato per dicembre per procedere all’aggiudicazione delle gare.
Al momento sono già state pubblicate 14 gare pubbliche e sono in pubblicazione tutte le altre.
E’ stato definito il crono programma di tutte le attività e si conta di attivare tutti gli interventi pianificati, se malauguratamente qualche progetto non dovesse partire in tempo si individueranno le responsabilità dei dirigenti che eventualmente, per loro negligenza, hanno causato la perdita del finanziamento e che saranno chiamati a risarcire il danno.