castagn

 

Alla vigilia della stagione della raccolta delle castagne e della “Sagra della varola” per

celebrare il marroncino igp di Melfi crescono le aspettative da parte di tutti gli

agricoltori, in particolare dei castanicoltori che dopo aver curato per un anno i

Castagneti attendono la raccolta e il giusto reddito.

La realtà – sottolinea la Cia di Melfi - frena gli entusiasmi perche il cinipide la fa’ da

padrona. Come già segnalato negli anni precedenti il CINIPIDE ci accompagnerà per

diversi anni: si stima che la produzione delle Castagne di quest'anno farà registrare un

calo di oltre 80% . Tale risultato negativo è appesantito dai costi di lavorazione,

d'investimento che i produttori hanno dovuto comunque sostenere.

 I dati Istat confermano che le importazioni italiane di castagne e marroni hanno

superato quota 38.000 tonnellate, con una spesa di circa 93 milioni di euro. Si tratta di

livelli mai raggiunti in passato. Il prodotto importato dall'Italia proviene per i due terzi

dai Paesi dell'Unione europea, in particolare da Spagna, Portogallo, Grecia, Slovenia,

Francia e Bulgaria.

LA CIA di MELFI chiede un confronto con le istituzioni Locali e Regionali al fine di trovare

le giuste soluzioni.

Propone all'Amministrazione Comunale e Regionale :

1)Aprire ufficialmente un tavolo di discussione tra produttori, associazioni di categoria,

associazioni di prodotto e istituzione. Per trovare forme di sostegno ai produttori e

trovare soluzioni tese ad arginare il mancato guadagno in caso di perdita delle

produzioni che sicuramente si protrarrà oltre un quinquennio.

2)PREVEDERE NEL PSR REGIONALE FORME DI AIUTO FINALIZZATO ALLA MANUTENZIONE

DEI CASTAGNETI ANCHE PER NON AGRAVARE DANNI AMBIENTALI E PAESAGISTICI DA

SOLLECITARE AL GOVERNO REGIONALE.

3)Istituire ufficialmente una banca dati di castanicoltori disponibile a far raccogliere le

castagne a gruppi di persone organizzate nei propri castagneti.

4)Trovare forme organizzative per l'utilizzo degli scarti come fonti energetiche

5) Rinnovare l'ordinanza di DIVIETO di ACCESSO nell'area del VULTURE ai non proprietari

di castagneti per il periodo della raccolta per attenuare forme di abusivismo.