impiantiweb2

 

“E’ necessario attivarsi da subito per evitare che la prossima stagione sportiva possa subire le negative conseguenze di un impiantistica cittadina che necessita di interventi urgenti di manutenzione ordinaria e straordinaria”.

Così il vicepresidente del Consiglio comunale, Francesco Fanelli, interviene in merito alla pratica sportiva e agli impianti del capoluogo di regione alla vigilia della ripresa delle attività. “Assurda la situazione che si vive per quanto attiene ai campi sportivi di Potenza – prosegue Fanelli – con la mancata programmazione, causa che ho già avuto modo di segnalare in diverse occasioni, che ha determinato l’attuale status quo. Altrettanto assurdo il non aver provveduto, durante la pausa estiva, alla realizzazione degli interventi indispensabili per garantire la piena fruibilità da parte delle migliaia di utenti e le decine di società interessati alla pratica sportiva. Non è concepibile e accettabile che si giunga alla fine del mese di agosto in queste condizioni con l’inizio della attività sportiva, sia agonistica, sia amatoriale ormai imminente. Nel corso della sua audizione in IV Commissione consiliare permanente ho sollecitato personalmente l’assessore allo Sport Giovanni Salvia affinché si facesse promotore di un tavolo tecnico con Figc e società sportive per giungere a soluzioni concrete, rapide e condivise. Purtroppo al momento non mi risulta che si siano registrati progressi in questa direzione e anche nella Commissione competente sul tema non ho avuto notizia di alcuna evoluzione. Torno a sollecitare maggiore attenzione sul problema da parte dell’assessorato allo Sport, viepiù considerato come in un tempo di crisi quale quello che stiamo vivendo, è impensabile costringere le società potentine a spostarsi fuori città per partecipare ai rispettivi campionati, come è profondamente errato il non riconoscere allo sport quella funzione sociale, rappresentando da sempre un’occasione per coniugare i benefici fisici con quelli che derivano dal trascorre del tempo insieme, in ambienti protetti e controllati, dove sviluppare al meglio le relazioni interpersonali, combattendo così alcuni fenomeni dei quali i giovani e i giovanissimi rischiano di diventare vittime, come per esempio droga, alcol, criminalità” conclude il capogruppo di Forza Italia Francesco Fanelli.